5.5 C
Torino
martedì, 9 Marzo 2021

Fallimenti sospetti nell’editoria, maxi inchiesta: 16 indagati

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

16 indagati e tre imprenditori arrestati nel corso dell’operazione Icaro condotta dalla Guardia di Finanza tra Torino, Milano, Roma e altre numerose città, e scaturita dall’inchiesta della procura di Torino in merito a reati connessi a fallimenti per oltre 40 milioni di euro.

Al centro dell’inchiesta tre società, collegate tra loro, che si occupavano di stampa di quotidiani e settimanali nazionali. Secondo l’accusa sarebbe stata creata una riorganizzazione degli assetti societari far far accentrare tutta la crisi su una sola delle tre realtà, svuotando dei beni le società collegate già fortemente indebitate e ritardando il momento di emersione della crisi.

Gli indagati avrebbero aggravato il dissesto, proponendo al Tribunale di Torino l’istanza di ammissione alla procedura del concordato preventivo e indicando nel piano concordatario, quali asset utili a soddisfare i creditori, un immobile – risultato poi gravato da ipoteca – e delle fideiussioni inesigibili, rilasciate da una società non autorizzata a tale attività. Nell’indagine sono coinvolti anche noti professionisti, che avrebbero reso pareri e assistito gli indagati nella predisposizione dei piani di ristrutturazione aziendale e di ammissione a procedure concordatarie. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano