25.3 C
Torino
domenica, 26 Giugno 2022

Ex Moi, Ricca (Lega): “Lì dentro si spaccia. Ecco il video che lo prova”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«All’interno dell’ex Moi si spaccia e ne abbiamo le prove». La denuncia arriva da Fabrizio Ricca, capogruppo in Sala Rossa della Lega Nord, che ha pubblicato sul suo profilo facebook un video con l’intento di denunciare il traffico di droga che avverrebbe nell’ex villaggio olimpico da quasi due anni occupato dai profughi di emergenza Africa. Tre minuti e mezzo di filmato in cui vengono chieste informazioni per acquistare la droga a quelli che, secondo Ricca, sono gli abitanti delle case occupate, i cui volti non sono mai visibili.
«Quello che sospettavamo la scorsa settimana, quando immigrati e centri sociali hanno impedito il nostro ingresso nelle palazzine dell’ex Moi, ora è realtà» scrive sul social network il consigliere comunale, che aggiunge: «Proprio mercoledì 19 novembre infatti, quando abbiamo e altri consiglieri abbiamo provato a fare un sopralluogo all’ex Moi ma ci è stato impedito, alcuni cittadini si sono avvicinati a me e mi hanno detto che queste palazzine di notte sono pericolose, perché diventano una zona di spaccio a cielo aperto. Allora ho deciso di verificare, anche se non me la sono sentita di andare di notte. Io e altre persone ci siamo presentate lì davanti e ci sono subito venuti incontro in tre, che ci hanno risposto quando abbiamo chiesto loro informazioni su come comprare la droga. C’erano anche altri lì, con l’aria di acquirenti abituali».
«Quello che ci chiediamo – prosegue Ricca – è se gli occupanti siano davvero profughi o se usino il loro stato di rifugiati solo come alibi per lo spaccio. In ogni caso, il prefetto di Torino, Paola Basilone, ha più volte sottolineato il necessario via libera del sindaco per effettuare lo sgombero ed ora, con in mano le prove delle attività illegali, ci aspettiamo provvedimenti immediati».
Ma come mai proprio l’ex Moi? Ricca riferisce di aver già fatto denunce per lo stesso motivo, «in zona Barriera di Milano o in corso Vercelli, dove ci sono addirittura 40 spacciatori in 200 metri, mentre non conosco bene la situazione del centro di Torino» anche se «questo è il mio primo video-denuncia».
Le conclusioni del capogruppo leghista non destano sorpresa. «Aspettiamo che Fassino oggi in aula riferisca ciò che succede all’ex Moi – conclude infatti – perché, rifugiato o meno, chi spaccia deve andare in galera o non vivere sulle spalle dei torinesi».

@ElisaBellardi 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano