12.5 C
Torino
venerdì, 31 Maggio 2024

Elide Tisi: “Garantiamo assistenza a domicilio ai pazienti non autosufficienti”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Garantire l’assistenza domiciliare a chi non è più autosufficiente». Per Elide Tisi, vicesindaco di Torino e delegato Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) per il welfare, si tratta di una priorità che la Regione non sta rispettando. La Tisi, infatti, è intervenuta dopo che, il 30 dicembre, la Giunta di centrodestra guidata da Roberto Cota ha deliberato che la maggior parte delle prestazioni medico-infermieristiche a domicilio, fino ad allora a carico della sanità piemontese, vengano pagate al 50% da chi ne usufruisce. Una decisione, sottolinea il vicesindaco, che «a Torino tocca più di 8mila persone e 4mila assistenti familiari».
Per questo, sostiene, vanno presi subito provvedimenti. «Al responsabile delle politiche sanitarie di piazza Castello – afferma – si chiede di non dare corso alle disposizioni contenute nella delibera del 30 dicembre senza aver previsto adeguata concertazione in sede di Conferenza Regione Autonomie Locali, garantito certezza di risorse ed esigibilità del diritto alle prestazioni e di intraprendere ogni iniziativa utile alla negoziazione nazionale per la difesa del virtuoso modello piemontese».
La Tisi non si rivolge solo alla Regione, ma chiede di «attivarsi presso i livelli nazionali a tutela del modello piemontese affinché tutte le prestazioni rivolte a persone con patologie croniche o invalidanti rientrino in ambito Lea», che sta per Livelli Essenziali di Assistenza, ovvero l’insieme delle attività, dei servizi e delle prestazioni che il Servizio sanitario nazionale (Ssn) eroga a tutti i cittadini gratuitamente o con il pagamento di un ticket, indipendentemente dal reddito e dal luogo di residenza.
Le prestazioni a domicilio, in questo senso, non devono fare eccezione. «Si devono evitare le discriminazioni tra quanti sono inseriti in strutture e quanti sono invece assistiti nella propria abitazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano