20.2 C
Torino
giovedì, 13 Agosto 2020

Ecotassa, dilettanti allo sbaraglio

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La legge finanziaria del M5S mette a rischio il piano di investimenti di FCA: questo il vero tema, non il rinvio del consiglio aperto.
Il Consiglio comunale e regionale aperto per ascoltare i programmi del nuovo piano industriale di FCA e quindi poter discutere delle sue ricadute sul nostro territorio, a partire da Mirafiori, in programma per il 13 dicembre e che è stato rinviato a causa della finanziaria in discussione, sarebbe stata un’occasione davvero importante. Ma a quanto pare il futuro dell’automotive a Torino sta a cuore solo a noi e non al Governo giallo-verde.
Le misure contenute nella finanziaria in discussione, non solo sono prive di logica economica e politica ma invece che servire a rilanciare l’economia reale introducono misure che mettono in discussione i piani di sviluppo già definiti e illustrati ai sindacati. Peraltro in un momento molto difficile ed in evoluzione per il settore dell’auto e in cui si apprende che, dall’altra parte dell’oceano, GM ha addirittura intenzione di chiudere 4 impianti produttivi negli Stati Uniti licenziando oltre 15.000 persone, solo per citare un esempio.
In un quadro economico internazionale come questo, un Governo serio dovrebbe porsi il problema di mettere in campo misure economiche atte a sviluppare incentivi alla produzione e allo sviluppo tecnologico in Italia, non fare il contrario.
Peraltro in un quadro assurdo e paradossale: con una mano il M5S immagina di far rientrare Torino nei programmi delle “aree di crisi industriale complessa” per sostenere l’industria dell’automotive con denaro pubblico, con l’altra, lo stesso Governo mette nella finanziaria misure penalizzanti che costringono a mettere in discussione gli investimenti già deliberati.
I piani industriali hanno bisogno di regole certe e di interlocutori credibili, non di apprendisti stregoni che oggi dicono una cosa e domani ne fanno un’altra, opposta.
I grilllini nostrani, invece che salire in cattedra a spiegare agli imprenditori come si fa impresa, peraltro in molti casi senza aver lavorato un giorno nella loro vita, dovrebbero porsi il problema di come fare ad aiutare davvero le imprese torinesi e piemontesi nel settore dell’automotive, a partire proprio da FCA, facilitando e non penalizzando i loro investimenti industriali, la riconversione dei cicli produttivi verso le tecnologie green, la transizione verso nuovi modelli costruendo un quadro organico per lo sviluppo.
Comincino con il togliere le misure di penalizzazione che hanno introdotto nella finanziaria. Sarebbe già un passo avanti.
Scritto da Stefano Lo Russo, capogruppo Pd in consiglio comunale a Torino

Articolo precedenteEcotassa, lo stile Fca
Articolo successivoSalvini, il warmaker
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...