8.7 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

Ecco com’è veramente lo stile di vita di un giocatore di poker professionista

Più letti

Nuova Società - sponsor

Avrete sentito sicuramente parlare di giocatori di poker professionisti del calibro di Ivey, Ferguson, Bilzerian… ma questi sono soltanto alcuni tra i più ricchi e famosi che recentemente sono finiti sotto i riflettori mediatici entrando nell’immaginario comune. 

Da qualche parte sono partiti. Studio e pratica sono la base. Per iniziare si consiglia di consultare, primi di cimentarsi ai tavoli, i migliori siti di poker online per principianti.

Quindi l’immagine che ci si può fare decade: quella di personaggi stravaganti, sopra le righe e che vive secondo le proprie regole, facendo feste, frequentando locali esclusivi. Insomma, si pensa facciano una vita da favola, senza stress e senza gli impedimenti dei normali lavoratori. Ma non è proprio così.

In realtà infatti ci sono tante sfumature, tanti professionisti del poker meno famosi e che riescono a farsi uno stipendio dignitoso con la loro carriera. Ciò che non si sa è che questa categoria è la più numerosa e che per rientrarci non bastano fortuna e talento.

Il segreto sta in uno stile di vita preciso… e oggi ve lo sveliamo.

Sei quello che mangi (e quello che bevi)

Non è solo una raccomandazione dei medici o delle pubblicità alimentari: seguire una dieta sana e bilanciata, limitare l’assunzione di alcol a qualsiasi ora del giorno e della notte, dormire regolarmente e tenersi in forma sono paradigmi fondamentali che un giocatore di poker professionista deve seguire per mantenere la salute fisica e soprattutto mentale.

Infatti c’è anche chi medita.

Dire di no agli eccessi, anche e soprattutto ad alti livelli, è la chiave per mantenere corpo e mente attivi e reattivi. È in questo modo che si può valorizzare davvero il proprio talento, avere più possibilità di evocare la fortuna e prendere scelte lucidamente in maniera veloce.

Tuttavia se pensate che non ubriacarvi tutte le sere, mangiare frutta e verdura e andare a correre la mattina basti per vincere L’Italian Series of Poker o il World Series of Poker siete ancora lontani dalla verità… 

Dominare le proprie emozioni

Un giocatore di poker professionista sa che le dinamiche di una partita non hanno minimamente a che fare con il proprio ego. 

Un conto è se si gioca tra amici, un altro è quando si partecipa regolarmente a tante partite e quando si ha a che fare con i numeri. 

In altre parole non bisogna interpretare il caso basandosi sui propri desideri e sulle aspettative che derivano da situazioni personali. Le altre cose della vita vanno messe da parte. Per fare questo un giocatore professionista si basa innanzitutto sullo studio.

Infatti conoscendo i calcoli delle probabilità e le strategie si sa quando agire e quando farsi da parte, senza prenderla sul personale. Tenete presente che i veri professionisti capiscono quando un giocatore è dominato dalle sue emozioni e dal suo orgoglio: sanno, magari anche per errori commessi in passato da loro stessi, che lasciarsi influenzare porta a fare mosse nervose, insensate. e se ne approfittano per vincere. 

Sapere come e cosa valutare fa la differenza in termini di milioni.

Sapere quando uscire fuori dal personaggio

Questo ultimo accorgimento vale non solo nel poker professionale ma in ogni aspetto della vita. Stressarsi troppo e essere eccessivamente focalizzati su una sola attività sono due errori potenzialmente distruttivi.

I giocatori di poker professionisti di successo sanno benissimo questo concetto e in tutti i modi cercano di evitare i danni che ne conseguono. Voler lavorare con un hobby e con una passione, insomma guadagnare grazie a un gioco, significa anche e soprattutto sapere quando smettere di giocare e vivere la propria vita uscendo fuori dal personaggio.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano