14 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Ecco come ricompattare una maggioranza litigiosa: il Pd presenta una mozione per fare rientrare Torino nell’osservatorio Tav

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Che a Torino, all’interno della maggioranza Cinque Stelle non siano tutte rose e fiori è arcinoto. Le litigate e le minacce di rottura certo non mancano.

Ma su una cosa sono tutti d’accordo: essere No Tav e opporsi alla linea Alta Velocità Torino-Lione.

Quindi, meno su tocca quell’argomento è meglio è, se si fa opposizione ad un’amministrazione come quella di Appendino che spesso e volentieri si è fatta male da sola.

E invece che cosa combina il Partito Democratico a Torino? Deposita una mozione per far rientrare nell’osservatorio Tav il capoluogo piemontese, uscito proprio per volere di sindaca e consiglieri grillini!

Stefano Lo Russo, capogruppo dei Dem spiega la mossa: «Con una mozione che abbiamo depositato chiediamo che la Città di Torino rientri nell’Osservatorio Tav Torino-Lione da cui è uscita nel 2016 dopo la vittoria del M5S alle amministrative».

«Chiediamo alla Sindaca Appendino, alla luce del fatto che il Governo sostenuto anche dal M5S ha stabilito di procedere con l’opera e sono state bandite le gare, di far rientrare a quel tavolo la Città. Non c’è più nessuna ragione per starne fuori e anzi, starne fuori è contrario all’interesse di Torino. Auspichiamo che la nostra proposta venga accolta», conclude Lo Russo.

E mentre la maggioranza alza gli scudi e prepara la testuggine ecco la risposta del consigliere M5s Fabio Versaci: «Una buona occasione per ribadire quanto sia inutile e dannosa quell’opera che non troverà mai l’appoggio di questa amministrazione. Eravamo convinti quando abbiamo votato per uscire e lo siamo tutt’ora. Sono certo che voteremo convintamente No».

Et voilà: maggioranza ricompattata.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano