17.1 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Dubbi sulla distribuzione mascherine, gli amministratori di condominio scrivono ad Appendino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La distribuzione delle mascherine nel Comune di Torino ha creato non pochi problemi agli Amministratori di condominio, che hanno deciso di scrivere alla sindaca di Torino.

Nei giorni scorsi a mezzo stampa era stato comunicato, che tale incombenza sarebbe stata relegata agli amministratori condominiali.

Un’informazione che ha generato confusione e che non ha visto il coinvolgimento attorno ad un tavolo di tutte le associazioni che rappresentano la categoria, tra cui Coram di Confedilizia,  associazione che annovera un consistente numero di amministratori.

Nella comunicazione inviata all’Amministrazione comunale, si sottolinea come le modalità operative scelte siano state di difficile applicabilità, in quanto gli amministratori di condominio non sono a conoscenza  e non sono in grado di reperire il numero di residenti all’interno delle singole unità immobiliari, operazione richiesta in tempi ristretti e con importanti aggravi di lavoro.

La Coram propone, visto il valore tutto sommato esiguo del materiale da distribuire (mascherine che non hanno marchiatura CE), di ipotizzare un criterio forfettario di consegna, di 3 mascherine per unità immobiliare. In questo modo l’attività di censimento e di prenotazione, ritiro e distribuzione delle mascherine sarebbe semplificata.

Un compito effettuato dagli amministratori in regime di volontariato e gravati dall’onere della consegna sotto la loro responsabilità.

Gli amministratori ci tengono a sottolineare e sarebbe importante promuoverlo nei canali di informazione che: le mascherine non saranno consegnate brevi manu, ma depositate nella buca delle lettere, in ottemperanza alle disposizione del D.P.C.M. 26/04/2020 e che non vi sarà responsabilità degli stessi sull’eventuale sottrazione da parte di soggetti terzi delle stesse dalle buche delle lettere.

Infine, vista la difficoltà nel conoscere gli occupanti di ogni stabile, che spesso non risultano essere allineati con i residenti, si suggerisce di fornire ad ogni amministratore un numero adeguato di mascherine in esubero, per poter soddisfare eventuali richieste da parte dei condomini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano