18.9 C
Torino
domenica, 9 Maggio 2021

Dramma a Carmagnola, spara alla moglie e ai due figli. Poi si suicida

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ha sparato alla moglie, uccidendola, e ai figli gemellini, di due anni, uno dei quali è morto in ospedale al Regina Margherita. Poi si è suicidato. È accaduto all’alba in una villetta in borgata Ceretto, al numero 76, a Carignano, in provincia di Torino.

A scoprirlo sono stati i carabinieri, intervenuti su segnalazione dei vicini di casa. Non sono ancora noti i motivi del gesto. L’arma utilizzata, una pistola, era detenuta dall’uomo in modo legale.

La sorellina del bimbo morto è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Regina Margherita. Nel raptus omicida ha sparato anche al cane che viveva in casa con loro. 

La tragedia è avvenuta intorno alle 5.30. L’uomo, Alberto Accastello, 40 anni, operaio di 40enne, ancora vivo all’arrivo dei carabinieri, è morto prima del trasporto in ospedale per le conseguenze del colpo che si è sparato in testa. La moglie si chiamava Barbara Gargano, 38 anni.

Nel raptus omicida ha ucciso anche il cane di casa. Le indagini dei carabinieri, presenti insieme agli esperti della scientifica per le rilevazioni del caso, proseguono per stabilire i motivi del gesto, anche se tra le ipotesi c’è anche quello di una decisione della moglie di separarsi. Tra le cause infatti le continue liti e i disaccordi. I due erano sposati dall’ottobre del 2015.

Tra i primi ad arrivare davanti alla villetta i genitori della donna.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano