2.7 C
Torino
domenica, 25 Febbraio 2024

Diventare miliardario è difficile ma non impossibile!

Più letti

Nuova Società - sponsor

Chi non ha mai fantasticato di essere ricco e di avere un conto a sei zeri? Infondo è un po’ il sogno di tutti quello di una vita in cui si può fare quello che si vuole senza preoccuparsi delle ripercussioni che ciò può avere sul nostro estratto conto.

Ma se vi sembra già tanto parlare di milioni sappiate che i Paperoni del mondo sono abituati a ben altro ancora. Infatti, come dimostra lo studio della classifica che la rivista Forbes pubblica delle persone più ricche al mondo, per loro il milione è il primo passo verso il miliardo e di miliardi ne hanno tanti.

Volete averne un’idea? Il più ricco dell’intero pianeta è Jeff Bezos, il fondatore di Amazon, seguito da Bill Gates: entrambi hanno un patrimonio di 90 miliardi di dollari, poco più in sotto nella classifica (al quinto posto) Mark Zuckerberg, il papà di Facebook che ha guadagnato nei 12 anni dalla creazione del social network 71 miliardi di dollari. Si “accontentano” di 48 miliardi a testa i fondatori di Google.

Cifre da capogiro che forse vi hanno anche un po’ depresso, visto che possono sembrare irraggiungibili. Ma mai perdersi d’animo: infatti se un conto a nove zeri lo possono vantare in pochi nel mondo proprio l’analisi di questi super ricchi ci può dare qualche consiglio.

Innanzitutto di età: salvo rari casi non si diventa miliardari da giovani. Anzi l’età media per toccare la cifra del primo milione è di 37 anni, mentre si arriva al miliardo a 51 anni. Certo poi ci sono anche i casi di chi invece si trova a ereditare il patrimonio dell’azienda di famiglia e diventa ricco da un giorno all’altro senza aver fatto nulla di particolare.

Per altri è frutto di un’intuizione, la start up giusta al momento giusto: come è stato con Facebook che ha permesso a Zuckerberg di incassare molti soldi alla giovane età di 23 anni. Altri ancora lavorano sodo per molto tempo prima di vedere i frutti del loro lavoro ricompensati profumatamente. In ogni modo in media ci vogliono 14 anni per poter avere un conto corrente da miliardario.

Importante a tale proposito è anche il settore di attività con cui si vuol provare a sfondare. Infatti, su tutti quello tecnologico ha un netto vantaggio permettendo a chi sa usare le proprie doti di arricchirsi nella metà del tempo che serve in altri ambiti. Più lunga è la strada delle scommesse e del gioco d’azzardo per quanto c’è chi giocando alle slot machine online è riuscito a portarsi a casa ben 13 milioni di sterline in pochi istanti.

E non serve nemmeno avere importanti titoli di studio: un terzo dei miliardari del pianeta non si è nemmeno iscritto o non ha completato l’università. Per gli altri la laurea più comune è quella in ingegneria.

Se invece puntate sulla geografia meglio trasferirsi in Russia o Cina: i Paesi in cui si fa fortuna più velocemente, con una media di solo 9 anni.

Insomma, diventare una tra le persone più ricche al mondo non è facile e nemmeno veloce. Tuttavia nemmeno impossibile. Chissà che qualcuno da oggi non decida di darsi da fare per finire tra qualche anno nella lista di Paperoni di Forbes.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano