16.8 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Daniele Valle (Pd): “Cirio ha visto Report? Dimissioni”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Daniele Valle, consigliere regionale del Piemonte, quota Partito Democratico, commenta la puntata di lunedì di Report, andata in onda su Rai Tre e che si è occupata della sanità piemontese in emergenza Coronavirus.

“La puntata di ieri sera è stata l’ennesima riprova degli errori che da tempo parti sociali e politiche stanno segnalando nella gestione dell’emergenza Covid in Piemonte.
Mail perse, risposte automatiche, appelli a segnalare casi a cui non seguiva risposta: sono carenze organizzative contingenti, indipendenti dallo stato di salute del nostro sistema sanitario”, spiega Valle.

“Una organizzazione efficace delle tracciature e dei monitoraggi è mancata fin dall’inizio e ha generato il picco dei contagiati nel mese di marzo, come evidente dalla situazione di Alessandria.
Siamo in ritardo sulle USCA, continuiamo a non fare abbastanza tamponi e non abbiamo ancora un piano chiaro sull’approvvigionamento di dispositivi di sicurezza (mascherine e non solo) per gli operatori sanitari né per la popolazione”, dice Valle.

Prosegue Daniele Valle: “È fondamentale quindi che ci sia chiarezza sui prossimi passi, a partire da cosa non ha funzionato e da chi ne ha avuto la responsabilità: per questo ho richiesto col collega Domenico Rossi una commissione di inchiesta sull’emergenza che abbiamo di fronte. Né si può pensare che basti scaricare responsabilità sulle strutture tecniche. La politica deve assumersi delle responsabilità, anche personalmente: come non pensare alle dimissioni dopo la puntata di ieri?”

“Non sarà possibile occuparsi di riaperture se prima non si crea un sistema efficace di tracciatura e controllo dei contagi, altrimenti rischiamo seriamente che la situazione esploda di nuovo fra qualche mese. Questa cattiva organizzazione pregiudicherà la possibilità per il Piemonte di ripartire? Come pensiamo di convivere con il coronavirus fino all’arrivo del vaccino?
Non è più tempo di navigare a vista, è tempo di programmare con precisione e di assumersi la responsabilità di ogni scelta, non si fanno esperimenti sulla salute dei cittadini”, conclude Daniele Valle.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano