19.4 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Dalla piazza all'incontro con Fassino, cinque rappresentanti degli studenti mossi dai Forconi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Studenti dal corteo a un incontro con Piero Fassino. E’ successo oggi 12 dicembre, terzo giorno di manifestazioni e proteste dei ragazzi degli istituti tecnici e professionali di Torino. Anche loro con i tricolori e i cori contro Cota (e in parte contro Fassino), ma con tante facce di tutte le etnìe presenti a Torino.
L’incontro dei cinque rappresentanti studenteschi col sindaco è stato invece molto pacato, i ragazzi erano quasi timidi e le tematiche e le rivendicazioni esposte molto circostanziate e concrete. Riscaldamenti che non funzionano, sicurezza negli edifici non garantita, stage formativi troppo pochi e brevi, corse di autobus mattutine diminuite. Il primo cittadino ha risposto dando la disponibilità della sua Giunta a fare quello che si può, ma innanzitutto e sicuramente a far pressioni sulle categorie produttive e le aziende per una maggiore apertura alla formazione degli studenti tecnici e professionali.
Credo sia particolare, curiosa e degna di riflessione la genesi, la nascita di questo incontro. Nè agli studenti – che pure da quando manifestano dopo il 9 dicembre passano sotto il Comune – nè a Fassino o ai suoi collaboratori era venuto in mente che fosse possibile incontrarsi. Stavo osservando e ascoltando i manifestanti in piazza Palazzo di Città quando ho sentito un ragazzo lamentarsi al megafono: «Tre giorni che veniamo, e nessuno che ci ascolti o ci chieda perchè». Ho chiesto a uno di loro se avrebbero accettato di essere ricevuti in tre o quattro, mi ha risposto incredulo di sì. Son salito in Consiglio, ne ho parlato con Grimaldi e Borgogno, che ne han parlato col sindaco e con una triangolazione telefonica è nato l’incontro delle 14 e 30.
Forse episodi del genere si potevano e si potrebbero moltiplicare, invece di stare a guardare in cagnesco la apparente rozzezza dei manifestanti.
Paolo Hutter

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano