13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Dal Salone dell'Auto 4,2 milioni di euro

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un successo da 4,2 milioni di euro. Tanto è valsa la scorsa edizione del Salone dell’Auto per quanto riguarda gli incassi per la città di Torino generati dalla kermesse che si svolge al Parco del Valentino, e che questo giugno, dal 6 al 10, sarà alla sua quarta edizione, riprendendo una storia lunga 60 anni.
Secondo i dati forniti oggi dal presidente della Camera di commercio Vincenzo Ilotte e dal presidente del Salone dell’auto Andrea Levy l’evento ha fruttato alle casse più di 4 milioni di euro tra visitatori, produzione e case automobilistiche. «Torino si conferma la capitale dell’auto – sottolinea Vincenzo Ilotte aggiungendo come – una kermesse di questo genere, con numeri e ricadute così importanti non possono che confermarcelo».
Ad essere attratti dal Salone dell’auto è soprattutto un pubblico giovane, per la maggior parte under 40, e per lo più proveniente dall’area metropolitana e della provincia di Torino. Ma con un 16 per cento di chi viene da fuori Piemonte, e che ha anche scelto di soggiornare più giorni in città.
«Abbiamo lavorato perché il Salone dell’Auto di Torino fosse un evento conosciuto in tutta Italia, una manifestazione che ha saputo raccogliere visitatori provenienti da tutte le province italiane e da oltre 30 Paesi stranieri – ha aggiunto Andrea Levy, presidente del Salone dell’auto – per l’edizione 2018 ci attendiamo un numero superiore di visitatori, oltre 800 mila, per effetto degli investimenti che stiamo facendo, fondi che ci hanno portato a diventare meta di tre grandi congressi automotive internazionali che faranno arrivare a Torino, nei giorni del 5 e 6 giugno, mille congressisti e addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo, coinvolgendo diverse strutture alberghiere della città».
«Torino deve continuare a essere città dell’auto. Non è più vista come città di Fiat ma è un’eccellenza» ha detto l’assessore al Commercio Alberto Sacco che ha sottolineato l’importanza degli eventi collaterali che coinvolgono cittadini e turisti.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano