17.3 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Dal 26 al 28 febbraio si festeggia il decennale Torino 2006. Chiamparino: “Rifarei tutto”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

E festa sia. Il 26 gennaio la tedofora Stefania Belmondo (dieci medaglie olimpiche nel fondo) riaccenderà il braciere olimpico in piazza Castello, a dieci anni dai XX giochi Olimpiaci invernali del 2006. Un evento che ha cambiato il volto della città. Cancellate le voci che vedevano i festeggiamenti come inutili e costosi è pronto il cartellone de “Il viaggio continua”. Questo il nome della festa, in programma dal 26 al 28 febbraio, che prevede una notte bianca, concerti convegni e altro. Questo coinvolgendo atleti, protagonisti del mondo sportivo, volontari, scolaresche per ricreare la magica atmosfera di dieci anni fa.

Quelle del 2006 è stato un evento memorabile per la città della Mole, sia dal punto di vista sportivo che per qualità dello spettacolo (portando in piazza diverse star del rock e del pop come Anastacia e Lou Reed). Un successo internazionale di immagine e organizzativo che ha aperto la strada a un boom turistico da allora in costante crescita che ha garantito a Torino e al Piemonte una visibilità forse unica.

Per il sindaco Piero Fassino, che ha fortemente voluto i festeggiamenti, «i Giochi del 2006 hanno segnato la storia di Torino e ne hanno cambiato l’immagine nel mondo. Siamo passati da città a vocazione industriale a città turistica, universitaria e di cultura senza dimenticare il passato».  Sergio Chiamparino, dieci anni fa orgoglioso sindaco della Torino olimpica, ha commentato: «E’ stato straordinario, rifarei tutto».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano