16.4 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Crisi del commercio, Grippo: “Raccogliamo grido d’allarme di una categoria fondamentale per Torino”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La vicepresidente della Commissione Commercio del Comune di Torino, Maria Grazia Grippo, tende la mano ai commercianti torinesi che hanno lanciato questa mattina un appello chiedendo un tavolo di crisi per il settore.

Per il presidente di Confesercenti Giancarlo Banchieri si tratta di «una crisi aziendale di cui nessuno parla perché non si vede» ma che nel 2019 ha causato la chiusura di più di 800 attività a Torino e la perdita di 2000 posti di lavoro.

Per questo per Grippo «La richiesta dello stato di emergenza avanzata dal mondo del commercio è il segnale di un allarme che non può più restare inascoltato: un comparto fagocitato dai colossi e periferie in cui nascono solo supermercati, mentre il piccolo commercio soccombe ai grandi del web».

La consigliera del Partito Democratico ha proposto quindi «un incontro con la categoria e gli assessori al Commercio e Bilancio. E facciamolo in fretta anche alla luce dell’imminente definizione di alcune scelte dell’amministrazione che avranno un forte impatto sul terziario come la riorganizzazione della Ztl». Così come da Grippo arriva un monito anche perchè «la Regione Piemonte metta in campo azioni e risorse per rispondere alla crisi di un settore fondamentale per la nostra città».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano