15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Covid, il Piemonte sospende il vaccino AstraZeneca

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Il Piemonte sospende AstraZaneca in tutte le dosi del vaccino. La decisione a seguito della morte, avvenuta nelle scorse ore a Biella, di un docente a cui nella giornata di ieri era stato somministrato il vaccino AstraZeneca, in attesa degli esiti dei riscontri per verificare l’eventuale nesso di causa, in via precauzionale il commissario dell‘Area giuridico-amministrativa dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, Antonio Rinaudo, ha disposto immediatamente la sospensione su tutto il territorio regionale della somministrazione del vaccino AstraZeneca per i dovuti accertamenti sul lotto coinvolto. È stata subito convocata la Commissione piemontese sulla farmaco-vigilanza per l’attivazione di tutte le procedure previste dalla legge. Si riunirà nel pomeriggio.

Piemonte sospende AstraZeneca: il commento dell’assessore Icardi

“Si tratta – specifica l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi – di un atto di estrema prudenza in attesa di verificare se esista un nesso di causalità tra la vaccinazione e il decesso. Ad oggi in Piemonte non era mai stata segnalata nessuna criticità particolare dopo la somministrazione dei vaccini”.

Già nei giorni scorsi era stato sospeso l’uso delle dosi provenienti da un lotto sospetto che aveva provocato diversi casi di reazioni allergiche molto gravi. Su quel lotto sono in corso ora indagini dei Nas. Ma per precauzione la Regione Piemonte ha deciso di sospendere anche tutti gli altri lotti.

Piemonte sospende AstraZeneca: cosa accadrà?

Ora resta da capire come procederà la campagna vaccinale che da domani apre le prenotazioni anche per gli over 70 e per le categorie fragili. Al momento sono stati rimandati a casa tutti i prenotati per la dose di oggi e si dovrà pensare a una soluzione alternativa per chi è in attesa del proprio turno in questa settimana.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano