7.4 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Courmayeur, nuova frana nella notte. Sopralluogo del capo della protezione civile

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ventimila metri cubi di roccia e pietre sono crollate dal monte di La Saxe a Courmayeur. La situazione è sempre più critica. Intanto è stato riaperto il Traforo del Monte Bianco rimasto chiuso per oltre due ore, «a titolo precauzionale», come spiega il sindaco della città valdostana Fabrizia Derriard, che evidenzia: «Sono in corso da parte dei tecnici regionali delle verifiche, anche strumentali, per valutare l’entità dei crolli dal Monte di La Saxe. Quello che è certo è che la frana sta scaricando più di ieri».
Procedura di emergenza dunque attivata dalla prime ore dell’alba, quando i tecnici della Regione hanno appurato l’entità dello smottamento notturno.
Continuano i crolli di quella frana che continua a minacciare il villaggio La Palud, evacuato lo scorso 8 aprile. Il versante di montagna di quattrocento mila metri cubi continua a muoversi.
Data la pericolosità il capo della protezione civile Franco Gabrielli farà un sopralluogo sorvolando la zona della frana, incontrerà le autorità regionali e gli 80 sfollati di La Palud.
Gabrielli parteciperà anche all’avvio del cantiere di costruzione del vallo che, nell’arco di qualche mese, dovrebbe essere in grado di proteggere le abitazioni poste ai piedi del Monte di La Saxe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano