11.5 C
Torino
mercoledì, 21 Ottobre 2020

Corruzione e aste truccate, 40 indagati nell’inchiesta partita dal re dei concerti Muttoni

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Una maxi inchiesta che coinvolge il mondo dei concerti, ma anche quello delle istituzioni e della politica. Sono 40 infatti le persone a cui in queste ore è stata consegnata la notifica di chiusura indagini per la vicenda che ruota attorno all’impresario musicale Giulio Muttoni, ex patrono della SetUp Live, la società che ha ereditato la gestione degli ex impianti di Torino 2006. 

Tra gli indagati anche il vicepresidente del Consiglio Comunale e consigliere Pd Enzo Lavolta, e l’ex senatore Dem Stefano Esposito, accusati insieme a Muttoni di turbativa d’asta in merito alla vicenda del Forum delle Sviluppo economico che si è svolto a Torino nel 2016. In particolare secondo la procura Lavolta avrebbe favorito Muttoni e il Parcolimpico per l’assegnazione della location contro GL Events.

- Advertisement -

A questi si aggiungono numerosi personaggi come pubblici ufficiali, appartenenti alle forze dell’ordine e al mondo istituzionale che secondo l’accusa avrebbero ricevuto biglietti gratis per concerti ed eventi da Muttoni in cambio di favori in vario ambito. 

- Advertisement -

A dare il via all’inchiesta i fatti risalenti al 2015 quando Muttoni avrebbe fatto di tutto per scrollarsi di dosso l’interdittiva antimafia emessa dalla prefettura di Milano in relazione ad Expo 2016. Allora Stefano Esposito, caro amico di Muttoni, e ai tempi senatore avrebbe tentato di aiutarlo con il suoi ruolo di componente della Commisione antimafia in cambio, sempre secondo la procura, di somme di denaro da restituire a tasso di interesse minimo. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Palestre e sport dilettantistico contro nuove chiusure: “Categoria soffre crisi invisibile”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato una settimana di tempo alle palestre per “mettersi in regola”, pena la chiusura del...

Covid, stop a movida a Torino dalle 21

Sarà firmata domani dopo un’incontro con le associazioni di categoria l’ordinanza del Comune che ferma la livida nei luoghi di maggior frequentazione....

Didattica a distanza e centri commerciali chiusi nei weekend: Cirio firma nuova ordinanza

Conferma le indiscrezioni della vigilia Alberto Cirio con la nuova ordinanza firmata per evitare il diffondersi del Covid.  Didattica...

Covid in Piemonte sei decessi, oltre mille i contagi da ieri

I casi di persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte sono 46.319 (+ 1396 rispetto a ieri), di cui 786 (56%) sono asintomatici. 

Covid torna la didattica a distanza. Grimaldi: “La sanità piemontese non ha retto l’urto”

“Più trasporti? Più vigilanza attiva? Tamponi più rapidi? Macché. L'unica soluzione della Giunta per ridurre i contagi è tornare alla didattica a...