16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Coronavirus, scatta lo sciopero di Amazon a Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

I sindacati annunciano lo sciopero dei dipendenti di Amazon del centro di Torraza Piemonte, dove nei giorni scorsi era stato registrato in caso di contagio da Coronavirus.

I lavoratori infatti denunciano che «dall’Azienda non sono arrivate, dopo rassicurazioni solo informali dei giorni scorsi, comunicazioni chiare sulle misure messe in atto per il rispetto di quanto previsto dai DPCM del 8 e del 9 marzo per la tutela della salute di lavoratrici e lavoratori del sito». E la vicenda è già stata segnalata allo Spresal (Servizi di previdenza e sicurezza degli Ambienti di lavoro) dell’Asl 4.

«L’azienda è tenuta a garantire la distanza e i dispositivi di sicurezza per lo svolgimento della normale attività lavorativa e per l’utilizzo di luoghi comuni come mensa e spogliatoi , oltre che la sanificazione dei luoghi di lavoro» precisano i sindacati che ricordano anche come «le ferie e i permessi sono un diritto dei lavoratori e Azienda ed Agenzie sono tenute a non usarle come ammortizzatore sociale , chiediamo ai lavoratori di segnalarci eventuali comportamenti non corretti».

In particolare le rappresentanze hanno scritto alla società che gestisce il centro di smistamento Amazon per chiedere che venisse fornito il materiale di sicurezza ai dipendenti e prese le giuste misure di prevenzione: «Data l’impossibiltà di avere riscontri da parte dell’Azienda sulle questioni urgenti così poste, le Scriventi dichiarano lo Stato di Agitazione di tutto il personale diretto ed indiretto del sito Amazon TRN1»concludono.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano