10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Coronavirus, i bambini posso uscire Curatella: “Grazie alla ministra Lamorgese per la sensibilità”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Lunedì in Consiglio Comunale a Torino durante le comunicazioni sull’emergenza Coronavirus il consigliere Aldo Curatella si era fatto portavoce con la sindaca Chiara Appendino in relazione alle richieste di molti genitori e psicologi di intervenire con il Governo affinché si tenesse in conto della situazione di tanti bambini e tante bambine che si trovano rinchiusi tra le mure domestiche e della necessità di consentire loro di poter uscire per “un’ora d’aria” per non risentirne a livello psicologico._

Il consigliere Curatella dichiara: “La mia richiesta di ieri è rimasta senza risposta da parte della sindaca.  Solo questa mattina ha dato una risposta, a mezzo stampa, ai genitori che le avevano scritto in cui diceva che dovevano restare in casa, nonostante tutto e nonostante le diverse richieste arrivate anche dagli psicologi.”

Continua il Consigliere Curatella, “Su questo tema, infatti, gli psicologi avevano lanciato un appello in quanto i bambini non possono e non devono essere considerati come degli adulti un po’ più piccoli; lo stato di isolamento può portare ad avere, denunciano gli psicologi, insonnia, sbalzi d’umore e soprattutto rischiano di assorbire l’ansia dei propri genitori, effetti che potrebbero prolungarsi nel tempo”.

Il Consigliere Curatella conclude: “Sono grato alla Ministra Lamorgese per aver dimostrato sensibilità sul tema facendo emettere una circolare che spiega come i bambini possano essere portati fuori dai genitori, definendo dei paletti ben precisi, e procedendo nel mantenimento del distanziamento sociale senza per questo penalizzare i bambini e le bambine.”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano