3.7 C
Torino
domenica, 17 Gennaio 2021

Coronavirus, anche CasaPound aiuta la Croce Rossa

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Comunicato Stampa
Comunicato Stampa
Puoi inviare il tuo comunicato stampa all'indirizzo redazione@nuovasocieta.it

Anche CasaPound Italia si è attivata per l’emergenza Coronavirus. Infatti sarebbero molti i militanti del movimento, a cui fa capo Gianluca Iannone, che si stanno offrendo volontari in questi giorni nelle fila della Croce Rossa., come, sottolineano da CPI era avvenuto già per il terremoto de l’Aquila e quello di Amatrice. In quelle drammatiche occasioni CasaPound scese in campo con i volontari dell’associazione Salamandra.

Si legge in una nota: “L’intero direttivo del movimento – si legge in una nota – ha aderito all’appello della Croce rossa: i vertici della Tartaruga frecciata, come i tanti altri italiani che hanno scelto di reagire a questo momento difficile per la Nazione impegnandosi per la comunità, si sono iscritti al programma per diventare volontari temporanei Cri (si possono trovare tutte le informazioni all’indirizzo https://www.cri.it/12-03-2020-covid-19-diventa-volontario-temporaneo-croce-rossa) e poter dare una mano nella consegna dei pacchi alimentari o di farmaci e beni di prima necessità alle persone vulnerabili, nel controllo dei passeggeri in aeroporto o nel fornire informazione e assistenza presso i desk, le centrali operative, le tende e le strutture di emergenza”.

“L’impegno nel sociale – continuano da CasaPound  – non è certo una novità per CasaPound, che è stata al fianco del popolo italiano durante tutte le emergenze che l’Italia si è trovata ad affrontare negli ultimi anni. Una esperienza nata a seguito del tragico terremoto dell’Aquila, quando i volontari di Cpi si trovarono a gestire il magazzino del campo di Poggio Picenze, nel cuore dell’Abruzzo devastato dal sisma, e proseguita con il lungo impegno a fianco della protezione civile a Bondeno, in Emilia Romagna, e ancora ad Amatrice, dove i militanti del movimento di Gianluca Iannone la notte del 24 agosto 2016 furono tra i primi a portare soccorso nella cittadina sepolta dalle macerie.

“Un’attività –conclude CPI– portata avanti anche nel quotidiano grazie all’impegno nelle attività di protezione civile e a quello nel gruppo di pronto intervento sanitario Grimes, che ci vedono in prima linea ogni giorno nelle strade di tutta Italia per dare assistenza agli italiani in difficoltà”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano