27.4 C
Torino
martedì, 4 Agosto 2020

Coronavirus, 800 mila euro per le famiglie torinesi in difficoltà

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La sindaca di Torino, Chiara Appendino ha annunciato l’approvazione di una delibera in cui vengono messi a disposizione 800 mila euro per l’emergenza Coronavirus: “Questa mattina in Giunta, su iniziativa della vicesindaca con deleghe al Welfare, Sonia Schellino, abbiamo approvato una delibera che dispone 800mila euro, parte dei 3,6 milioni stanziati dal Governo, per l’acquisto di generi alimentari e di prima necessita’ della rete Torino Solidale. In collaborazione con il Banco Alimentare del Piemonte, il Banco delle Opere di Carità, con il supporto dell’associazione di volontariato Damamar”.

Continua Appendino: “Generi alimentari che sono già stati distribuiti a oltre 6mila famiglie in difficolta’ a causa del Coronavirus Generi alimentari e che, grazie a questo stanziamento, potranno continuare ad aiutare i cittadini in difficolta’”.

- Advertisement -

“Ovviamente, come fatto sino ad ora – prosegue Appendino – faremo in modo che questi aiuti possano arrivare alla comunità nel più breve tempo possibile”.

- Advertisement -

“Ancora una volta – conclude la sindaca – chi volesse aiutarci ad aiutare un maggior numero di famiglie, può fare riferimento alla mail torinosolidale@comune.torino.it per donare generi alimentari e beni di prima necessità. Oppure al Comune di Torino – Fondo di Solidarieta’, IBAN IT69L0200801033000104431330, causale “Torino Solidale art. 66 dl 18/2020″. Grazie a chi rende possibile questo straordinario lavoro”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Mauro Berruto: “Unità indispensabile per la squadra di Torino 2021”

Per cogliere nel segno, quasi mai l'arciere punta al centro dell'obiettivo. Tende l'arco. La freccia, quando vola, ha un comportamento aerodinamico sorprendentemente metaforico....

Prefettura e Regione fermano nuovi arrivi di migranti in Piemonte

Non ci saranno altri arrivi di migranti in Piemonte. È questo il risultato dell'esito dell'incontro in Prefettura tra il prefetto di Torino...

Concorso per dirigenti del Comune di Torino: candidati denunciano errori nella procedura

A seguito della pubblicazione da parte del nostro giornale dell’articolo sulla prima fase del concorso per dirigenti del Comune di Torino sono...

Coronavirus: Piemonte +15 positivi e nessun decesso

Sono 15 le nuove positività al Coronavirus registrate oggi in Piemonte. Sei sono asintomatiche. Tre dei casi sono importati. E' quanto si...

La guerra del retino. “Se non fermi tuo figlio hai meno neuroni del granchietto che ha messo nel secchiello”

“Vuoi insegnare a tuo figlio che non è normale e non è un gioco far morire in un secchiello un granchietto dopo...