13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Confindustria e sindacati dicono "no" al salario minimo. Laus: "Porterò comunque in Parlamento una proposta per introdurlo"

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un secco No all’introduzione del salario minimo legale e a eventuali invasioni di campo è arrivato nella serata di ieri dall’accordo nazionale firmato a Roma dal presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, e dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.
Una firma che chiude un lungo confronto partito circa un anno e mezzo fa e che intende rimarcare il ruolo e l’autonomia delle parti sociali, mettendo un paletto anche ad una eventuale legge sul salario minimo: i minimi salariali sono definiti nel contratto nazionale, punto.
Una presa di posizione che non sembra scoraggiare il neo eletto senatore Mauro Laus, da sempre paladino e sostenitore del salario minimo
«L’accordo siglato nelle scorse ore tra Confindustria e segretari generali di Cgil, Cisl e Uil – commenta Laus- certamente sancisce il superamento degli interessi delle singole sigle, archiviando di fatto conflitti rispetto alla loro funzione e autonomia, porta però con sé una contraddizione. È legittimo che si rafforzi il valore della contrattazione nazionale e un miglioramento in tal senso era auspicabile avvenisse ma, ancora oggi, proprio la contrattazione nazionale ha mostrato alcuni limiti lasciando fuori o non tutelando adeguatamente alcune categorie di lavoratori, permettendo il proliferare di retribuzioni orarie di poco superiori ai 4euro».
Continua Mauro Laus: «In questo senso non comprendo il no categorico all’introduzione del salario minimo legale, strumento che non rappresenterebbe in alcun modo uno scippo di funzioni o un imbrigliamento del sindacato al contrario rafforzerebbe il modello contrattuale definito dai corpi intermedi».
«Sono sempre più convinto che il rapporto tra salario minimo e parti sociali sia possibile. Ribadisco quindi la volontà di presentare in Parlamento una proposta per l’introduzione di un minimo salariale stabilito per legge e la volonta’di lavorare per fissare finalmente quelle “regole del gioco”in grado di smascherare quei rapporti di forza spesso esercitati dalla Pubblica amministrazione nei confronti delle società appaltatrici e che generano ancora piu’disuguaglianze in quella che e’la giungla della concorrenza sleale sui salari», conclude Laus.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano