14.5 C
Torino
lunedì, 2 Agosto 2021

Come creare un hedge fund?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor

Alcuni trader si stancano di lavorare per conto di altri e desiderano mettersi in proprio. Se hanno molto capitale, potrebbero voler creare un hedge fund. Ma come si fa a farlo?

Se si dispone di un capitale consistente da investire, un profilo di investitore dinamico e una buona padronanza della gestione del rischio, l’idea di creare un hedge fund può essere presa in considerazione. Va, tuttavia, sottolineato che ancor prima della gestione del fondo, un investimento in un hedge fund è rischioso.

CHE COS’È UN HEDGE FUND?

Prima di parlare della creazione di un fondo hedge, ecco un piccolo promemoria delle sue principali caratteristiche.

Un hedge fund, noto anche come fondo alternativo, è un fondo d’investimento che non ha un vero e proprio status giuridico. È meno regolamentato e quindi più rischioso di un OICR (Organismo di investimento collettivo del risparmio), può, tuttavia, essere molto redditizio.

Rispetto ai fondi comuni, gli hedge fund hanno molta più flessibilità nei metodi e negli strumenti in cui possono investire. La loro attrattiva sta nel fatto che sono gestiti molto liberamente.

L’hedge fund è amministrato da un manager, che può detenere gran parte del capitale. L’unica ragione della sua esistenza è il rendimento assoluto attraverso la speculazione sui mercati. Il rischio è quindi alto.

Quali sono gli strumenti utili per raggiungere questo obiettivo con gli hedge fund?

  • Vendita allo scoperto, o short selling. Consiste nell’acquistare titoli senza possederli, sperando di ottenere un profitto sul loro successivo riscatto in contanti.
  • Arbitraggio. Consiste nella combinazione di operazioni finanziarie con l’obiettivo di ottenere teoricamente un profitto con poco rischio, dovuto alla possibile discrepanza tra i prezzi dello stesso strumento finanziario su diversi mercati.
  • Leva. Consiste nel prendere in prestito denaro per acquisire posizioni maggiori.
  • Il ricorso ai prodotti derivati.

Gli hedge fund hanno il vantaggio di essere gestiti più liberamente dei fondi comuni o degli ETF.

E che dire dell’affidabilità dei fondi hedge?

Occorre sapere che molti fondi hedge scompaiono prematuramente. A causa della loro strategia speculativa, basta una sola operazione sbagliata o una crescita lenta per mettere in pericolo il business. Dato che il capitale investito è di solito sostanziale, è ovvio che le perdite possono essere grandi tanto quanto i guadagni. Pertanto, nel considerare la creazione di un hedge fund, bisogna essere cauti, lungimiranti e scrupolosi.

LA CREAZIONE DI UN FONDO HEDGE: UN PROCESSO RIGOROSO

Per massimizzare le opportunità nel creare un proprio fondo hedge, è necessario prevedere e definire un quadro preciso fin dall’inizio, in modo da limitare il più possibile i rischi di non conformità e di fallimento.

1) Impostazione del fondo alternativo

Occorre assegnare al fondo uno status giuridico. Innanzitutto, è necessario circondarsi di avvocati. Il quadro giuridico deve essere progettato con attenzione, data la natura polimorfa dell’hedge fund stesso. In tal modo si ha la garanzia che il prodotto sia conforme alle norme fiscali e che soddisfi i requisiti di legge.

In Italia, gli hedge fund sono considerati organismi di investimento collettivo. Un hedge fund può quindi assumere la forma di una società d’investimento a capitale variabile (SICAV) oppure di una società a responsabilità limitata (Srl). L’hedge fund può anche avere lo status di un fondo comune di investimento (FCP), ma in questo caso, la sua gestione deve essere assegnata a una società.

Sarà anche necessario definire:

  • la costituzione del team di gestione;
  • le strategie di investimento (che possono essere tenute segrete);
  • la raccolta di fondi;
  • il reclutamento;
  • la strategia di marketing;
  • la conformità;
  • la contabilità.

2) Un solido piano di marketing

Per raccogliere fondi, è necessario mettere in atto una strategia di marketing efficace, cosa che ha un costo in termini di tempo e denaro, ma che è impossibile evitare. Tanto più che gli investitori sono sempre più esigenti e vogliono essere sicuri dell’affidabilità di colui al quale affideranno il proprio capitale.

3) La scelta dei prime broker

È importante non commettere un errore nella scelta del fornitore di servizi con cui si decide di collaborare, né nel determinare le esigenze specifiche del fondo hedge. Il prime broker può occuparsi di diversi aspetti, secondo quanto scelto dall’hedge fund. In generale, il prime broker offre:

  • Intermediazione: prende il posto di un broker tradizionale.
  • Esternalizzazione della catena front-to-back e depositario globale: mette a disposizione del cliente team operativi e sistemi informativi che gli permettono di piazzare ordini sui mercati. Se il broker è anche un depositario, gestisce i pagamenti/incassi, la liquidità e la rendicontazione.
  • Prime brokerage sintetico: il prime broker può offrire una leva finanziaria elevata e l’accesso ai derivati.
  • Inoltre, il broker può offrire consulenza legale e sulla gestione del rischio, così come trovare nuovi clienti per l’hedge fund attraverso un programma di marketing.

Il prime broker viene remunerato mediante il pagamento di commissioni, come lo spread o i premi sui prestiti concessi dalle istituzioni finanziarie, in cambio della facilitazione delle transazioni.

Compiendo le scelte giuste in ogni fase della creazione dell’hedge potrete massimizzare le vostre chance.
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano