14.5 C
Torino
lunedì, 2 Agosto 2021

Collettivo Prendocasa: “Aggrediti da polizia, chiedevamo casa per un’invalida”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Siamo stati aggrediti dalla polizia che ha tentato di cacciarci dagli uffici Atc”. Lo denuncia il collettivo Prendocasa che da anni lotta per il diritto all’abitare e che questa mattina è entrato negli uffici Atc per chiedere aiuto per Antonella, signora invalida che non può avere una casa popolare.Ma appena entrati sarebbero stati aggrediti dalla polizia e due di loro arrestati. 

“Oggi il collettivo prendocasa con il gruppo di sfrattati si è presentato alla sede di ATC per accompagnare Antonella per chiedere un colloquio per poter risolvere la sua situazione abitativa.

Antonella da anni sta pagando i debito Atc dell’ex marito, dal quale ha subito violenze, e per questo motivo non ha diritto ad avere la casa popolare. Siccome è gravemente invalida, con figlio invalido a carico, non può lavorare e quindi pagare l’affitto.

L’ “aiuto” che le istituzioni le hanno dato è stata farla vivere in un magazzino Atc, in cui è presente amianto e muffa, con un contratto fatto tramite lo.ca.re. Siccome questa abitazione ha causato l’aggravamento dei problemi di salute di Antonella e di suo figlio, abbiamo ritenuto urgente rivolgerci alle istituzioni per una soluzione adeguata” spiegano dal Collettivo. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano