17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Code all'anagrafe, Deborah Montalbano: “Esposto in procura contro operato della giunta”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Meno apparenza e più sostanza. Ed efficienza. È questo quanto chiede la capogruppo di Uscita di Sicurezza Deborah Montalbano per niente soddisfatta delle risposte che l’assessora Paola Pisano ha fornito alla sua interpellanza sulla caotica situazione delle anagrafi torinesi.
«A gennaio con l’introduzione delle Carte di identità elettroniche (CIE) le sedi anagrafiche di Torino sono arrivate al collasso, con incremento dei carichi di lavoro conseguenti all’adeguamento ANPR (Anagrafe Nazionale Popolazione Residente).Lungaggini burocratiche, attese estenuanti ed episodi di insofferenza che richiedono l’intervento delle Forze dell’ordine e la cronica mancanza di personale sono le problematiche riscontrare» afferma Montalbano.
«Si fanno tante parole in politica, ma la situazione reale è un’altra – ha sottolineato la consigliera. Con l’adesione al ANPR c’è stato un incremento dei carichi di lavoro senza una strategia e un piano organizzativo. Tutto questo senza tenere conto che il sistema applicativo Ministeriale, funziona in maniera diversa da quello dell’anagrafe di Torino (NAO), che avrebbe dovuto essere aggiornato e invece provoca disallineamenti».
Montalbano ha poi posto l’accento sulla questione della mancanza di personale a cui per ora il Comune non è stato in grado di sopperire: «Il Ministero degli Interni, attraverso la Prefettura, ha messo a disposizione 51 postazioni, peccato che manchi il personale necessario a farle funzionare. E il Comune cosa fa? A giugno decide di fare un bando di mobilità per la ricerca di 22 risorse umane, tardivamente quando gli uffici si trovano ormai in una situazione precaria. E ad aggravare la situazione durante il periodo estivo vengono chiuse le sedi decentrate, aumentando il carico sulle altre e in particolare su quella centrale! Peccato che la maggior parte del personale abbia un’età media di 55 anni e poi chi vuole andare in questi uffici, dove le misure di sicurezza lasciano il tempo che trovano, ci sono carenze igienico-sanitarie, i mezzi informatici sono obsoleti e si lavora in condizioni precarie e di disagio con carichi di lavoro estenuanti?».
«Se io fossi in maggioranza avrei già richiesto le dimissioni dell’assessora Paola Pisano»commenta seccamente la consigliera ex Cinque stelle che ha chiesto che la questione venga ora approfondita nelle commissioni consiliari oltre a un incontro con i sindacati di categoria ma che potrebbe anche portare la questione sul tavolo della procura: «Mi riservo di fare un esposto in Procura, perché non è accettabile che la Città di Torino si ritrovi ad essere gestita da assessori della Giunta Appendino, che danno priorità ad apparire come dei fenomeni, lavorando poi nel concreto con una superficialità inaudita. Basta ricordare che il termine ultimo per l’adesione ANPR è fissato per il 31 dicembre 2018, ma si sono già annunciate proroghe a livello nazionale, perché sono moltissimi i comuni, che hanno bisogno di adeguamenti al proprio interno, prima di gettare i servizi della propria Città in un procedimento innovativo».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...