9.2 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Circoscrizione 2, cade ancora il numero legale: la maggioranza non risponde all’appello. M5s: “Il Pd non voleva votare nostro Odg”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Cade nuovamente il numero legale in Circoscrizione 2 a Torino durante la seduta del consiglio. Per il Movimento Cinque Stelle la colpa è della maggioranza del Partito Democratico che non avrebbe avuto intenzione di votare un ordine del giorno a firma pentastellata, preferendo la chiusura, l’ennesima, dei lavori.

Spiegano i Cinque Stelle: “Durante il consiglio della circoscrizione 2 di giovedì 9 luglio 2020, abbiamo presentato l’ordine del giorno per l’istituzione dei Vigili di quartiere a Mirafiori Sud nel quale si richiedeva anche un potenziamento di organico per assolvere il ruolo”.

“Al momento di discutere il nostro atto è stato chiesto dalla presidente Bernardini di ritirare il documento perché “l’intestazione” non risultava più in regola dato che il giorno stesso era stato deciso un nuovo format”, continuano.

“Il documento però – aggiungono i pentastellati – era stato presentato il 25 giugno, era stato accettato dagli uffici, vagliato dalla giunta, portato in capigruppo, iscritto nell’ordine del giorno del consiglio e presente nella convocazione; la lettera della direttrice in cui si indicava il nuovo metodo di presentazione dei documenti infine era datata 8 luglio, due settimane dopo la nostra presentazione”.

“Visto che il nostro documento non contravveniva nessun regolamento da non poter essere eliminato “d’ufficio”, e dato il tema importante dell’ordine del giorno, noi abbiamo chiesto di poterlo discutere con l’impegno di cambiare l’intestazione degli atti a venire come richiesto”. Ma dopo la presentazione da parte dei consiglieri Cinque Stelle il “gruppo dei moderati ha lasciato il consiglio per protesta dato che alcuni atti a loro firma non erano stati inseriti in discussione; a quel punto il consigliere Iocola di Forza Italia ha chiesto la verifica del numero legale e nessuno della maggioranza ha risposto all’appello, per prima la presidente Bernardini, facendo cadere il numero legale al proprio consiglio. Solo 8 consiglieri della minoranza hanno risposto all’appello”

“Siamo allibiti da questo comportamento, non solo la Circoscrizione 2 è quella che lavora meno in tutta la città, ma la maggioranza si preoccupa solo di bloccare i nostri atti: per le mozioni viene chiesto di ritirarle e ripresentarle come Odg condivisi senza simbolo, gli Odg che non impegnano nemmeno la presidente, vengono cassati con altri motivi, tutto senza entrare nel merito ma appellandosi a formalismi o adducendo scuse assurde”.

“Saranno contenti i cittadini di Mirafiori di sapere che con scuse assurde vengono bloccati atti a favore dell’aumento dei servizi ai cittadini con più presenza dei Vigili Urbani nei quartieri”, concludono dal Movimento Cinque Stelle.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano