19 C
Torino
domenica, 20 Settembre 2020

Il cimitero di Neve e Gliz

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società.

Neve e Gliz vivono e lottano insieme a noi. Le anime delle due mascotte delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, ideate da Pedro Albuquerque, sono state evocate più volte in queste settimane. Sedute spiritiche per glorificare i due cimeli di quello splendido passato che rappresentano un fiocco di neve e un cubetto di ghiaccio.
Sorridenti e in splendida forma appaiono in un cartone animato-spot (non dei migliori seconda la critica) ideato dalla Camera di Commercio di Torino e presentato alcuni giorni fa per spingere la candidatura del capoluogo piemontese ai Giochi del 2026. Ma nella realtà i nostri due eroi non se la passano molto bene. (continua dopo il video)

Anzi si può dire che l’acceso dibattito di queste ore viene fatto sui loro cadaveri. Già, perché Neve e Gliz giacciono abbandonati in via Buscalioni nel deposito comunale a due passi di via Catania, e dal cimitero torinese. Dopo vari avvistamenti in diverse parti della città, da parco Mennea a via Artom (anche lì malconci per la verità) i due simboli del riscatto sabaudo hanno trovato eterna dimora in un insieme a materiale che non serve più, da giochi per le aree bimbi a cavi e lamiere, come mostriamo nelle foto di Nuova Società.
Ad occhio si vede che il tempo è stato impietoso nei loro confronti. Neanche un telo per coprire i due “cadaveri” deturpati. Al punto che basta digitare l’indirizzo su Google Maps per identificare dall’alto del satellite Neve e Gliz.

A quanto pare non è bastato nemmeno lo spirito olimpico rispolverato a febbraio 2016, quando sono state tirate fuori dagli armadi anche le giacche grigie e arancioni dei volontari per celebrare il decennale dei Giochi di Torino, a fare da ossigeno. Neve e Gliz (con loro anche il fedele Aster, simbolo delle paraolimpiadi) giacciono fatti a pezzi, in una collina di rottami.
Che indegna sepoltura!







 
Foto di Giulia Zanotti

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...