20.2 C
Torino
giovedì, 13 Agosto 2020

Chiamparino, triste solitario…y final

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Marzio Dinamo
Marzio Dinamo
Esperto di comunicazione, grafica e marketing. Con passione per giornalismo, inchieste, cronaca e politica

Chiamparino si ricandida alla presidenza della Regione Piemonte. Dopo aver giurato che non l’avrebbe fatto, dopo che l’alternativa del chirurgo Mauro Salizzoni è stata bruciata, dopo che le elezioni del 4 marzo scorso hanno reso davvero difficile una prossima affermazione del centrosinistra, Chiamparino ha quasi ufficializzato il tentativo di fare bis.
Quasi, perché malgrado l’esito del vertice in casa dei Moderati, siamo ancora a diversi mesi dal voto e molto può ancora accadere. Tuttavia, finalmente, il gesto di Chiamparino è un atto politicamente di grande coraggio. Per un uomo abituato a calcolare al millimetro ogni sua mossa, il passo di queste ore è degno di nota perché con ogni probabilità Chiamparino andrà incontro a una sconfitta.
Il centrosinistra è dato dai sondaggi – che naturalmente potranno cambiare, ma se non ci sarà un cataclisma a livello nazionale, non di molto – non secondo, ma terzo alle spalle del centrodestra e dei Cinque Stelle. E più sonora sarà la sconfitta, più il pensionamento del big ex Pci sarà inevitabile.
Proprio come l’ex sindaco Piero Fassino. Chiamparino lo sa, ha già visto, appunto con Fassino, quanto crudeli possano essere le urne, e anche per questo il suo tentativo va ancora di più rispettato. Che parafrasando un titolo dello scrittore Osvaldo Soriano appare però se non triste, sicuramente solitario e probabilmente “final”.
È quindi ingeneroso, oltre che quasi offensivo, sottoporlo alle primarie, come qualcuno ha però soltanto sussurrato. Volete qualcuno che faccia da scudo? Che si sacrifichi per la causa del centrosinistra, dell’europeismo antipopulista? Di quanto fatto in questi cinque anni di politica regionale? E allora per favore nessun colpo alla schiena. La ridiscesa in campo di Chiamparino svela però anche un altro lato della questione. Primarie o no, nel Pd e dintorni, in Piemonte ancora più che altrove, non c’è stato nessuno in grado di salire sul ring, di prendere le redini della coalizione in una prospettiva di cambiamento e di maggiore vicinanza agli elettori, che identificano in buona parte questa area politica con le istituzioni o peggio con il cosiddetto potere tout court.
Ma proprio perché l’ombra della sconfitta si è già allungata a dismisura, sarebbe stato necessario un atto di coraggio, speculare, da parte di qualcuno che in un partito dato soltanto più al 15%  punta a raccogliere l’eredità dei vecchi big. Qualcuno disposto a mostrare il petto. Con una campagna elettorale rifondativa.
E invece il “donabbondismo” prevale in via Masserano, sede del Pd subalpino, dove è molto meglio far carriera per cooptazione – paradossalmente fino a pochi mesi fa anche per cooptazione di Matteo Renzi, il leader che aveva ribaltato il tavolo proprio contro le cricche cementificate nel partito – che uscire allo scoperto. Un tratto caratteriale abbastanza diffuso – c’è qualcuno della cosiddetta società civile pronto a farsi impallinare? –  ma che nel Pd piemontese ha anche attecchito per responsabilità dei suoi capi, malati di autosufficienza.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...