10.5 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Cavallerizza, Ricca: “Bene lo sgombero”, Scanderebech “Un atto dovuto”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dopo lo sgombero della Cavallerizza, avvenuto alle prime ore di questa mattina, il plauso delle opposizioni.

«Bene lo sgombero della Cavallerizza iniziato questa mattina dalle forze dell’ordine ma la gestione della vicenda da parte dei 5 Stelle sta diventando sempre più grottesca. Gli occupanti che non vogliono abbandonare la Cavallerizza, infatti, non pagano il prezzo di aver occupato ma quello di non essersi accordati con i grillini». Spiega il capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Fabrizio Ricca «Ci sono occupanti di serie A e occupanti di serie B, i primi sono i cosiddetti ″artisti″, che hanno occupato abusivamente come tutti ma che ora si accordano con Appendino che lascerà loro, non si capisce a quale titolo, parte dei locali. I secondi sono i riders, che non hanno fatto accordi e vengono sgomberati. Per quanto mi riguarda” prosegue Ricca “non trovo motivazioni valide per questi trattamenti diversi e non capisco come mai si debba lasciare una struttura simile nelle mani di chi l’ha occupata, cosa diranno le decine di associazioni culturali che navigano nel mare della burocrazia per avere uno spazio da gestire? Che la strada più veloce per raggiungere i loro obiettivi è l’occupazione e il prendere possesso con la forza di beni della collettività».

«É l’epilogo dell’incapacità di gestire la città e le situazioni», così è intervenuta la consigliera comunale Federica Scanderebech sull’argomento «Un atto dovuto alla cittadinanza torinese che si aspettava ormai da tempo. Irreale è stata la commissione di ieri mattina per liberare il regolamento dei beni comuni per l’aula, con l’assessore che chiede a verbale la sospensione dei termini per presentare gli emendamenti, cosa che il regolamento del consiglio comunale non prevede possa essere fatto in sede di commissione da un assessore. Ma è stata irreale tutta la gestione della vicenda».

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano