3.4 C
Torino
venerdì, 27 Novembre 2020

Castrazione politica

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Torino, 15 novembre studenti assediano le banche

Torino: studenti in piazza in assedio alle banche. Tensione con la polizia che accenna ad una carica. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Drake
Drake
Sir Francis Drake nato il 13 luglio 1540. Navigatore e corsaro inglese. Collabora con Nuova Società dal 2017, con la rubrica "I corsivi del corsaro". Una leggenda narra che quando si è in pericolo basta battere sul suo tamburo per vedere le vele delle sue navi all'orizzonte e giungere in soccorso.

La prendo, come sempre più spesso mi accade per la vecchiaia, alla lontana. Nel 1961 un famoso film, “Vincitori e Vinti”, di Stanley Kramer, interpretato da un magistrale Spencer Tracy, da un superlativo Montgomery Clift e un superbo Burt Lancaster, irruppe nelle nostre sale cinematografiche mostrandoci, nella cornice dei processi di Norimberga, il volto disumano dell’ideologia nazista ai danni degli stessi tedeschi.

Montgomery Clift vi interpretava il ruolo di un uomo affetto da uno scompenso psichico, risolto dai nazisti per evitare contaminazioni future con la sterilizzazione.
Non ho potuto non ritornare su quella pellicola alla lettura delle cronache sul summit di Er Meio Di Maio con Nostra Signora Appendino, in cui la seconda non ha fatto mistero della sua intenzione di “sterilizzare” il suo vice Guido Montanari, troppo farfallino nel dire ciò che pensa. Non nego di aver provato un certo imbarazzo per l’uso disinvolto con cui verbo e lemma sono stati usati dalla Appendown, davvero sempre più giù. Ma il fine giustifica i mezzi dunque anche le parole seguono questo triste destino.

Insomma, Montanari dovrà e verrà messo nella condizione di non nuocere. E magari, grazie anche alla castrazione politica, di non procreare altri adepti del suo stampo.

Precauzioni comprensibili quelle di Nostra Signora Appendino visto i risultati del grillismo modello “vaffa”. Ma Lei con quali voti pensava di essere stata eletta, soltanto con quelli dei nipotini dalla svastica facile che di sterilizzazioni se ne intendono?

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Smat, Standard & Poor’s migliora il rating

Passa da BBB- a BBB con un outlook “stabile” il racing di Smat, l’utility torinese a partecipazione totalmente pubblica, che gestisce il...

Torino 2021, Saracco non si candida

Il rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco non si candiderà con il centrosinistra alla corsa di sindaco, nelle amministrative del 2021....

Carretta e Furia: “Primarie sospese, si lavora sul programma”

“Questa sera la coalizione di centrosinistra si è ritrovata e si è registrata un'ampia convergenza sulla proposta del PD: le primarie restano...

Violenza sulle donne e media, blitz femminista contro Rai e Ordine dei Giornalisti

Sanzionato l'Ordine dei Giornalisti, in corso Stati Uniti, e la sede Rai di via Verdi da attiviste femministe nella Giornata Mondiale contro...

In libreria Calma&Karma di Gioele Urso: “Il noir è un modo per far luce su quel che vogliamo ignorare”

Torino, ai bordi di corso Moncalieri, sulle sponde del fiume Po all'altezza del Giardino Ginzburg, viene trovato il corpo senza vita di...