11 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Caso Ogr, Laus(PD): “E’ suicida l’idea di guardarle morire”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Senatore Mauro Laus del Partito Democratico chiede l’intervento di Regione e Comune per non lasciar morire le Officine Grandi Riparazioni, che nei mesi scorsi sono state convertite a Covid Hospital, e al momento si pensa di non riconvertirle, ma lasciarle in sospeso per eventuali nuove ondate di Coronavirus. Cercare quindi, nelle strutture già esistenti e inclini ad ospitare strutture sanitarie, una nuova soluzione, per far si che le Grandi Officine possano ospitare ancora attività culturali e ricreative.

“Le Ogr debbono tornare operative al più presto” spiega il Senatore Laus “O la città rischia di perdere uno dei maggiori investimenti in termini di trasformazione e di rilancio conosciuti negli ultimi anni. La disponibilità e l’aiuto offerti dalle Ex Officine nel periodo di massima criticità della pandemia non possono essere ripagati dalle istituzioni con una condanna al fallimento”.

“Oggi la Regione ha il dovere di individuare soluzioni alternative per trasferire il Covid Hospital che ha occupato una intera manica del complesso e che oggi non solo impedisce la ripresa delle attività culturali e ricreative ma scoraggia le aziende legate al progetto Tech – continua il Senatore – E’ suicida l’idea di “impacchettare” tutto in attesa di una nuova ondata di contagiati, suicida è l’idea di guardare morire le Ogr senza muovere un dito. Chiedo alle istituzioni, in primis al presidente Cirio e alla sindaca Appendino, oltre che a tutte le forze politiche, di guardarsi intorno e sfruttare la Fase 2 dell’emergenza per trovare e allestire luoghi più consoni dove collocare nel futuro il reparto anti-Covid- conclude laus – immobili dismessi nel recente passato, magari già con una vocazione sanitaria, soluzioni che non mancano e che possano accogliere le attrezzature con una prospettiva a lungo termine”.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano