16.3 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Caso Cavallerizza, la vicepresidente Viviana Ferrero resta al suo posto

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A seguito della delibera presentata oggi dalla minoranza in consiglio comunale, al fine di porre la sfiducia alla vicepresidente della sala rossa Viviana Ferrero , il cui primo firmatario è capogruppo dei Moderati, Silvio Magliano, il consiglio ha respinto la stessa con 21 voti contrari, 15 a favore e 2 astenuti. L’atto è stato presentato data la presenza della stessa Ferrero insieme agli occupanti, durante una riunione in prefettura del Tavolo per la Cavallerizza.

«Ciò che è da chiarire» ha dichiarato il capogruppo del Partito Democratico Stefano Lo Russo «È che lei è venuta meno al suo ruolo di rappresentanza di quest’aula, di tutta l’aula, da libera cittadina lei può partecipare a qualsiasi battaglia lei reputi valida e di interesse, ma accettando il ruolo che lei ricopre si deve rendere conto che ha degli onori ma anche degli oneri, a cui lei è venuta meno. Ci aspettavamo delle dimissioni al fine di togliere dall’imbarazzo quest’aula e i cittadini torinesi. Non sono state presentate».

«Ho detto più volte cosa penso di quell’atto e di quella presenza che ritengo inopportuna» ha ribadito la sindaca Chiara Appendino in fase di dichiarazione di voto «Ma il mio voto alla delibera è contrario perché la ritengo strumentale e non ritengo che quell’episodio sia oggetto di revoca del ruolo».

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano