6.4 C
Torino
martedì, 9 Marzo 2021

Case popolari agli stranieri. Grimaldi: “Slogan Prima i Piemontesi è la cosa più ignorante che si sia mai sentita”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“L’Assessora Caucino non è nella posizione di dare a qualcun altro dell’ignorante, dal momento che, a sua volta, la proposta di legge che ha firmato ignora le direttive europee e le sentenze della Corte Costituzionale” – dichiara il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, in merito al recente botta e risposta fra l’Assessora e il consigliere Sarno sulla proposta di legge regionale in materia di accesso all’edilizia popolare.

Infatti, se è vero che il decreto legislativo 25 luglio 1998 n.286 è stato modificato nel 2002 dalla legge Bossi-Fini, e dunque il Testo Unico così corretto sancisce che, per accedere alle case di edilizia popolare, gli stranieri non provenienti dall’Unione Europea necessitano di carta di soggiorno o di un permesso di soggiorno almeno biennale e di un contratto di lavoro autonomo o subordinato, è altrettanto vero che successive direttive europee vanno in opposta direzione, prevedendo una ben più ampia platea degli aventi diritto.

“Le normative europee” – spiega Grimaldi – “sulle quali si è già pronunciata più volte la Corte di Giustizia, prevedono parità di trattamento nell’accesso alla casa per tutti i titolari di permesso unico lavoro, ossia di permessi per lavoro, per famiglia o per attesa occupazione”1.

“L’orrido slogan ‘Prima i Piemontesi’, con cui l’Assessora Caucino ha voluto battezzare la sua legge, che crea una corsia preferenziale per chi risiede in Piemonte da almeno 15 anni, è senza ombra di dubbio un principio discriminatorio ed è la cosa più ignorante che si sia mai sentita” – conclude Grimaldi. – “L’Assessora abbia quindi il coraggio di ammettere la ‘filosofia’ che anima i suoi provvedimenti, già giudicati incostituzionali, invece di nascondersi dietro a delle leggi che sono state superate dalla normativa europea”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano