16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Buoni taxi per disabili: sbloccata la lista d'attesa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Erano bloccati di fatto dal 2008, ora il quadro si è finalmente mosso. Staimo parlando dei buoni taxi per i disabili.
L’entrata in vigore del nuovo regolamento a regime dal 2013 riguardante le liste per consentire l’accesso del trasporto delle persone con disabilità  con diritto di buono taxi, ha modificato i criteri di accesso al servizio e soprattutto ha riaperto le liste di attesa.
La nuova normativa ha introdotto le fasce di reddito nei criteri per la definizione degli importi a carico dell’utente, la durata dei buoni e finalmente l’informatizzazione totale del sistema.
Tutto questo significa che 50 persone potranno avere accesso al servizio a partire da aprile ed in seguito altri 50 potranno usufruire dei preziosi buoni a partire da giugno. Insomma un’importante apertura dopo anni di stallo. Il comunicato del comune precisa come la redistribuzione dei costi, e la conseguente riapertura delle graduatorie, ha consentito l’’azzeramento della lista d’’attesa dei minori.
Tra i criteri di priorità per le selezioni degli aventi diritto si terrà contro dell’essere minori, delle esigenze di lavoro, delle condizioni gravi di salute e delle esigenze di studio.
«La riorganizzare del servizio di trasporto destinato alle persone disabili è stata un azione importante», è il positivo commento dell’Assessore ai Trasporti, Infrastrutture e Viabilità del Comune Claudio Lubatti, che precisa: « E’ stata un azione importante che ci ha consentito maggiore puntualità rispetto all’uso delle risorse economiche disponibili. Ora siamo in grado di programmare la spesa con maggior certezza e, di conseguenza, di riaprire la lista di attesa che era ferma dal 2008. Un risultato soddisfacente, che agevolerà il diritto alla mobilità di circa 100 persone».
Moreno D’angelo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano