21.1 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Bonus Cultura in Regione, Grimaldi (LUV): “Finalmente le prime risposte, ma troppi sono ancora gli esclusi”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Finalmente la Giunta risponde alle sollecitazioni del mondo della cultura e alle nostre numerose interrogazioni – commenta Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali verdi in Regione Piemonte – tuttavia vi sono almeno tre mancanze che occorre sanare”.

“Tra le modalità e i criteri per l’assegnazione dei sostegni economici in ambito culturale – commenta Grimaldi –, passare da ‘finanziare il progetto al soggetto’ pone un grande problema per tutte le associazioni che hanno dovuto annullare eventi previsti nel primo semestre dell’anno, e per i quali avevano già sostenuto parte delle spese: si pensi, ad esempio alla comunicazione o ai cachet degli artisti”.

“Inoltre – prosegue Grimaldi –, l’Assessora alla Cultura crea un pericoloso precedente riguardo le convenzioni con il pubblico: l’idea della Giunta di limitare in modo significativo i rapporti in convenzione con soggetti culturali di diritto privato che non vedono la partecipazione diretta o il controllo da parte della Regione Piemonte, avrà serie ripercussioni sui grandi festival e sulle importanti iniziative piemontesi che lavorano nella nostra Regione e che, nonostante la loro storia sia iniziata accedendo a fondi pubblici e in convenzione, negli anni hanno saputo emanciparsi grazie alla bigliettazione e alle sponsorizzazioni dei privati. Queste realtà – secondo i criteri annunciati dalla Giunta questo pomeriggio – non potranno in nessun modo accedere al Bonus cultura. Sembra che questo sia l’unico settore in cui Cirio e la Lega professino lo statalismo economico”.

“Credo inoltre che sia stia perdendo una grande occasione – conclude Grimaldi – : abbiamo provato ad emendare tutte le norme presentate dalla Giunta e ribadisco ancora l’assoluta necessità di finanziare il fondo per la messa in sicurezza dei luoghi dello spettacolo e della cultura destinato alle amministrazioni locali: Occorre intervenire sulle sedi dei centri culturali e dello spettacolo e se non lo facciamo quest’anno, con gli spazi che sono stati, e saranno ancora, forzatamente chiusi e inaccessibili al pubblico, non riusciremo più a farlo”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano