19.4 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Bike Pride, Magliano (Moderati): “Quando la casa va a fuoco, i Cinque Stelle spolverano le suppellettili”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Meno ideologia, più impegno per la ripresa dopo l’emergenza”, è quello che chiede Silvio Magliano, capogruppo dei Moderati in Consiglio Comunale Torino.

Spiega Magliano “L’Amministrazione si occupi di come di far ripartire imprese, commercio, negozi, esercizi, attività piccole e grandi, invece di fare discutibili esperimenti di mobilità ciclabile quali il progetto “Bike Pride”. Servono, sono d’accordo, approfondimento e “grossi investimenti”, per usare le parole della Sindaca Appendino: ma per far ripartire le attività produttive, i negozi, i mercati, le attività di chi crea lavoro, la grande e la piccola distribuzione. Non per ipotizzare fantasiosi e fumosi progetti. Merci e lavoratori non possono certo spostarsi solo su bici e monopattini”.

“Perdere tempo e risorse in fantasiose elucubrazioni “ciclabili” in questa fase è assurdo: è lo stesso atteggiamento di chi, mentre la sua casa va a fuoco, spolvera suppellettili, pulisce candelabri e sistema tappeti”.

“Chi si aspettava progetti sensati di mobilità leggera si è visto propinare, in questi anni di Amministrazione Cinque Stelle, piste ciclabili assurde e pericolose alternate a periodiche boutade. Siamo stufi di questo impiego di armi di distrazione di massa”, conclude Magliano.

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano