15.2 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Baci (gay) a Taormina

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non si può far cadere nel nulla le scioccanti parole dell’avvocato Carlo Taormina, che ai microfoni di La Zanzara di Radio 24 ha detto che i gay hanno «anomalie fisiche e mentali».
«La maggioranza delle persone la pensa così». Poi ha aggiunto: «Si può sapere prima della nascita se una persona è gay perché ci sono appunto anomalie genetiche».
Ma Taormina non si ferma, è un fiume in piena: «Certe cose mi fanno ribrezzo. Ho una crisi di rigetto, mi viene il vomito. Mi fa ribrezzo vedere due persone dello stesso sesso fare porcherie, mi fa schifo il rapporto tra uomini, è gente malata».
L’ex deputato di Forza Italia, insomma, stanco di essere solo un opinionista del Processo di Aldo Biscardi, ha deciso di far parlare nuovamente di se.
Ma ricordiamo chi è l’avvocato Taormina, l’uomo che ha pronunciato frasi così omofobe: è stato legale difensore dell’ex capitano delle SS Priebke, il boia delle Fosse Ardeatine, di Mario Placanica, il carabiniere che uccise Carlo Giuliani nel 2001 a Genova, del neo-fascista Franco Freda, accusato di aver messo qualche bombetta in giro per l’Italia e di essere tra gli ideatori della strage di piazza Fontana, degli ufficiali e dei sotto-ufficiali che nascosero la verità sulla strage di Ustica, di vari imputati di Tangentopoli, anche se viene ricordato per essere stato uno degli avvocati di Annamaria Franzoni nel delitto di Cogne.
Strano che un personaggio che è riuscito a farsi pagare da un nazista come Priebke provi il voltastomaco per i baci gay: avremmo pensato, visto il suo curriculum, che fosse di stomaco più forte.
Nel suo Twitter rincara la dose, sostenendo che lui vuole essere libero di dire che gli omosessuali sono malati.

taormina gay

Eppure l’unico malato mentale che noi vediamo in questo momento è proprio Taormina. Perché se nel 2014 qualcuno ancora pensa queste cose sui gay qualche problemino l’avrà sicuramente e sarebbe meglio per lui prendere un appuntamento con un bravo psicanalista. Probabilmente potrebbe scoprire grazie all’analisi che tanto odio per i gay è solo sintomo di un’omosessualità latente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano