13.2 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

Assotabaccai-Confesercenti alla Regione: “Gioco d’azzardo, rivedere il regolamento e garantire gli operatori”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Rivedere il regolamento sul gioco d’azzardo e garantire i tanti operatori che, prima del regolamento stesso, avevano intrapreso un’attività regolare: è questa la richiesta che Assotabaccai-Confesercenti rivolge al presidente della Regione, Alberto Cirio.

“Richiamiamo l’amministrazione regionale – spiega Alberto Alberetto, presidente di Assotabaccai – agli impegni assunti durante la campagna elettorale e sottolineiamo il fatto che non è questo il momento per creare ulteriori difficoltà alle imprese del territorio”.

Ecco il testo della lettera:

“Gentilissimo Presidente,

“vista la recente vicenda riguardante il regolamento 9/2016, “Contrasto al gioco d’azzardo patologico”, ci preme, ancora una volta, esprimere la nostra posizione su una legge di cui abbiamo, fin dall’inizio, contestato l’applicazione retroattiva.

Nello specifico, è nostra opinione che il regolamento in oggetto – non tenendo conto della situazione esistente al momento della sua entrata in vigore – abbia penalizzato gli operatori che, nel pieno rispetto delle normative precedenti, avevano intrapreso l’attività del gioco lecito a mezzo di slot machine. 

“L’effetto della legge 9/2016 è stato, di fatto, quello di espellere dal mercato la quasi totalità delle slot, modificando, ma non annullando, le abitudini dei giocatori più problematici.

“Ci auguriamo che tale distorsione normativa possa essere rivista a tutela delle imprese del settore, tra cui le tabaccherie, già colpite dall’emergenza Covid e non beneficiarie di alcun bonus regionale.

Alla luce di quanto precede, siamo a chiedere un suo intervento affinché la normativa del settore possa garantire le tantissime aziende già in difficoltà”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano