16.8 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Assessore Lavolta: “Nuovi alberi e manutenzione per il parco Dora”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un milione e 300mila euro per la riqualificazione delle aree verdi a Torino. Il progetto, presentato dall’assessore all’Ambiente Enzo Lavolta ed approvato a Palazzo di Città, dovrebbe partire entro la primavera del 2014. La prima zona ad essere interessata dalle migliorie sarebbe parco Dora, nella zona della Spina 3, già in passato devastato da ladri e vandali.
«I lavori di completamento del parco, che sorge su un’ex zona industriale, sarebbero dovuto essere ultimati già da qualche anno – afferma Lavolta – ma il fatto che ad appaltare sia il ministero delle Infrastrutture a Roma, da una parte, e che le aziende che se ne occupano siano parecchie, dall’altra, hanno creato difficoltà oggettive ad andare avanti». Dal 2014 le chiavi del parco Dora dovrebbero essere consegnate alla città di Torino in modo che, continua Lavolta «siano effettuati gli interventi di manutenzione straordinaria di cui c’è bisogno».
La riqualificazione, d’altra parte, dovrebbe comprendere anche altre zone del capoluogo subalpino. Nella centrale Circoscrizione 1 sono previste la ripavimentazione di piazza Statuto e dei giardini Cavour, la costruzione di una pista ciclabile, di un tratto pedonale; dovrebbero inoltre venir piantati nuovi alberi lungo la strada. Nuove pavimentazioni anche in piazza Livio Bianco nella Circoscrizione 2 e nel parco Stura nella Circoscrizione 6. Nel parco Colletta, infine, dovrebbe nascere un’area cani.
Non solo. Passa in Comune anche un secondo progetto presentato dall’assessore Lavolta. Si chiama “Smart Tree” e prevede nuovi alberi in città, oltre alla conta e alla classificazione di quelli già esistenti. «Torino sarà la prima città italiana a fare una cosa del genere – sottolinea Lavolta – nell’ottica di una maggiore vivibilità. Del resto è dimostrato: in metropoli dove ci sono più aree verdi la qualità dell’esistenza è maggiore».

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano