6.4 C
Torino
giovedì, 28 Ottobre 2021

Appendino: "La mia porta è aperta"

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nuova Società - sponsor
Barbara Giuva
Esperta di immagine, relazioni esterne e cerimoniale pubblico. Dopo molti anni dedicati alla politica, di recente ho approfondito la passione per la scrittura soprattutto su temi di costume e società che rendono un po’ più “leggera” la nostra quotidianità.

Pubblichiamo integralmente lo scritto della sindaca di Torino Chiara Appendino, che, nel giorno della manifestazione contro la sua amministrazione apre le porte del suo ufficio per il dialogo.

Questa è la porta dell’ufficio della Sindaca di Torino: è aperta e sempre lo resterà.

“Abbiamo sempre ascoltato tutti e continueremo a farlo.
E l’ascolto è proprio una delle cifre che da subito ho voluto caratterizzasse questa Amministrazione, convinta che le divisioni di questo periodo storico nascano proprio da territori e comunità che per anni hanno provato a dialogare con Istituzioni divenute sorde.
Oggi, in piazza Castello – al netto delle diverse sensibilità politiche – sono state sollevate delle critiche, che accolgo, ma c’erano anche molte energie positive.
Sono stati proposti alcuni punti per il futuro della Città che sono in buona parte condivisibili, anche perché rispecchiano ciò che come Amministrazione abbiamo fatto fino ad oggi e ancora intendiamo fare nei due anni e mezzo di mandato che abbiamo davanti a noi.
Sono pronta a discuterne già dalla settimana prossima e ad instaurare un dialogo costruttivo sulla Torino di domani, anche con chi ha una visione diversa dalla nostra.
Un dialogo aperto, sincero, trasparente. Aspro, se serve. Ma vivo e sano. Nel pieno rispetto di tutte le opinioni.
La porta è aperta”.
Chiara Appendino

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano