12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Appendino e Rolando utilizzano i fondi del Buon Pastore per chiudere il Bilancio. Ma non dovevano andare alle famiglie in difficoltà?

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

I fondi dell’acquisizione dell’Istituto Buon Pastore sono stati utilizzati per la chisura del Bilancio 2016 e non, come invece era stato votato, per le famglie povere e le persone in difficoltà. La “novità” arriva direttamente dalla riunione della Commissione.
Il 13 febbraio scorso in Consiglio Comunale era stata votata, dalla maggioranza dei consiglieri, una mozione che impegnava l’amministrazione all’utilizzo dell’ex IPAB a fini sociali, per situazioni di fragilità sociale.
Oggi invece la giunta targata Appendino comunica che l’ammontare dei conti bancari relativa al Buon Pastore sono stati utilizzati “senza vincolo” per la chiusura di Bilancio. Si tratta di 4.284.000 di euro.
«Un atto grave contro il parere dei consiglieri ma soprattutto in totale spregio alle difficoltà di tante persone povere e famiglie disagiate e contro il volere di chi, nei secoli scorsi, aveva costituito questo patrimonio», denunciano dal Partito Democratico. Elide Tisi, Monica Canalis, Maria Grazia Grippo per i democratici, Francesco Tresso per Lista Civica per Torino e Silvio Magliano dei Moderati , presenti ai lavori della Commissione, esprimono il loro «totale dissenso verso questo modo di amministrare e hanno richiesto un continuo aggiornamento al fine di vigilare sull’utilizzo del patrimonio immobiliare e sulla destinazione della redditività già in questo 2017».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano