2.6 C
Torino
mercoledì, 30 Novembre 2022

Alta velocità, dai primi cittadini un esposto sui costi alla Corte dei Conti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un esposto sui costi della Tav alla Corte dei Conti italiana, a quella francese e alla Comunità Europea. Gli autori saranno circa venti sindaci della Valsusa contrari all’alta velocità, che vogliono far chiarezza sulle «preoccupanti anomalie» del reale peso sulle casse dello Stato della Torino – Lione.
La decisione arriva dopo la lettera dei primi cittadini della valle al premier Matteo Renzi, in cui è stato chiesto di incontrarli e dir loro il vero costo della Tav e in cui hanno argomentato che l’opera «se il Pil cresce l’opera è troppo cara, se il Pil diminuisce l’opera non serve».
L’esposto è stato affidato agli avvocati Stefano Bertone ed Emanuele D’Amico. Non solo. I sindaci hanno anche chiesto al presidente del Senato Pietro Grasso e a quello della Camera Laura Boldrini di istituire una commissione d’inchiesta parlamentare sul progetto della nuova ferrovia.

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano