12.5 C
Torino
venerdì, 31 Maggio 2024

A Torino nella notte del 2 dicembre si accendono i primi tre semafori “T-Red”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ed ecco i “T-Red”. A Torino, lunedì 2 dicembre alle 24.01, si accenderanno i primi tre, dei quattordici previsti, semafori con telecamera.

I T-Red sono stati istallati nei punti considerati più pericolosi per il numero di incidenti: gli incroci di corso Regina angolo corso Potenza e corso Lecce, corso Peschiera angolo corso Trapani e corso Novara angolo corso Vercelli. Altri quattro verranno piazzati fra fine 2019 inizio 2020, per finire nel corso del prossimo anno.

Dalla notte del 2 i semafori di questi incroci registreranno le immagini e rileveranno  e segnaleranno chi passa con il rosso.

«L’obiettivo è di prevenzione e sicurezza – spiega il comandante della polizia municipale Emiliano Bezzonnon certo fare cassa. Abbiamo fatto tutte le prove possibili, testato tutti i possibili casi, messo la segnaletica che informa sulla presenza del semaforo che non scatta solo un fotogramma ma una decina, il che consente di fare una analisi di contesto e capire se c’è stata effettivamente un’infrazione. Tutti – conclude- hanno la possibilità di non incappare nelle sanzioni».
Aggiunge l’assessora alla Mobilità Maria Lapietra «Con i nuovi semafori non cambia nulla rispetto a prima perché viene sanzionato solo chi non rispetta il codice».

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano