20.1 C
Torino
sabato, 12 Giugno 2021

Vaccini, in Valle D’Aosta solo per chi farà un mese di vacanza

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Vaccini in Valle D’Aosta solo ai vacanzieri che prevedono soggiorni di un mese. È la linea guida, ancora da ufficializzare, su cui punta l’azienda Usl della regione alpina dopo la decisione del generale Figliuolo di consentire i richiami nei luoghi di villeggiatura. 

Vaccini in Valle d’Aosta, le regole per i vacanzieri

Come sottolinea Guido Giardini, direttore sanitario dell’Usl della regione alpina, “deve essere -come ha scritto il commissario Figliuolo – un evento quasi eccezionale. Perche’ e’ chiaro che se il cittadino sta qua ma e’ di Torino, il buon senso dice che e’ meglio che vada nella sua citta’ a ricevere la seconda dose, e’ talmente vicino”. “Il nostro problema – aggiunge Giardini – e’ di avere una programmazione in anticipo, in modo da poter chiedere una consegna ulteriore per i turisti alla struttura commissariale”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor

Primo Piano