14.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Zelensky, Zaluzhny e i comandanti militari: cosa sta succedendo in Ucraina

Più letti

Nuova Società - sponsor

(Adnkronos) – Ucraina alle prese anche con questioni interne. Il presidente Volodymyr Zelensky sta presumibilmente "aggirando" il comandante in capo Valerii Zaluzhny nella comunicazione con alcuni comandanti militari, ha riferito l'Ukrainska Pravda, citando fonti anonime. La notizia arriva nel mezzo delle speculazioni dei media occidentali e ucraini su presunti disaccordi tra Zelensky e Zaluzhny. Invece di comunicare direttamente con Zaluzhny, il presidente mantiene linee di comunicazione parallele con i capi di alcuni rami militari, come il comandante delle forze di terra Oleksandr Syrsky o il comandante dell'aeronautica Mykola Oleschuk, hanno riferito fonti al media ucraino. Poco più di un mese fa un mese il comandante in capo delle forze armate ucraine, in un'intervista all'Economist, aveva dichiarato che il conflitto è giunto "a un punto morto" e che le truppe di Kiev non riusciranno a sfondare il fronte, aggiungendo che "molto probabilmente, non ci sarà una svolta profonda e positiva". "Il rischio più grande di una guerra di logoramento di trincea è che potrebbe trascinarsi per anni ed esaurire lo Stato ucraino", aveva concluso Zaluzhny.  Ieri il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha lanciato un attacco al presidente Zelensky in un'intervista al notiziario svizzero 20 Minuten trasmesso sia in Russia che in Ucraina. "La gente si chiede perché non fossimo meglio preparati per questa guerra. Perché Zelensky ha negato fino alla fine che si sarebbe arrivati ​​a questo", ha detto Klitschko nell'intervista. "C'erano troppe informazioni che non corrispondevano alla realtà", ha affermato il 52enne ex campione mondiale di boxe, accusando il presidente di "errori" e chiedendo onestà riguardo alla reale situazione dell'Ucraina dopo l'invasione russa. "Zelensky sta pagando per gli errori che ha commesso", ha dichiarato Klitschko. "Naturalmente possiamo mentire al nostro popolo e ai nostri partner, ma non si può farlo per sempre", ha aggiunto, offrendo allo stesso tempo un chiaro appoggio a Zaluzhny, che un mese fa era stato criticato per aver detto che la guerra era arrivata a una situazione di stallo. "Ha detto la verità", ha affermato Klitschko nell'intervista. "A volte le persone non vogliono sentire la verità. Ha spiegato e giustificato qual è la situazione attuale". Intanto il servizio di sicurezza ucraino (Sbu) ha vietato all'ex presidente Petro Poroshenko di viaggiare all'estero, affermando di avere informazioni secondo cui intendeva incontrare il primo ministro ungherese Viktor Orban, che in un rapporto della Sbu è stato definito "amico" del presidente russo Vladimir Putin.  A Poroshenko è stato annullato anche il permesso già rilasciato per un viaggio d’affari negli Stati Uniti. La Sbu ritiene che Mosca, tra le altre cose, intende sfruttare i possibili incontri dei politici ucraini con esponenti politici stranieri per promuovere narrazioni “sulla necessità di un processo negoziale con la Federazione Russa”. Il partito Solidarietà Europea di Poroshenko ha respinto le accuse della Sbu, sottolineando che dal 1° all’8 dicembre aveva programmato visite solo in Polonia e negli Stati Uniti, e non a Budapest. Oltre a Poroshenko, è stato vietato anche a tre deputate del partito di non lasciare il Paese. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano