24.9 C
Torino
giovedì, 18 Luglio 2024

Wall Street: apre in netto calo (Dj -2,3%) su timori seconda ondata contagi Covid

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Gli indici su Wall Street hanno aperto in forte ribasso, prolungando le perdite fatte segnare la scorsa settimana, in scia ai timori per una seconda ondata di contagi dopo l’aumento di casi da coronavirus in alcuni Stati Usa e a Pechino. Questa mattina, parlando alla Cnbc, il professor William Schaffner della Vanderbilt University School of Medicine ha detto che “la seconda ondata e’ gia’ cominciata’.

Ma lo scorso giovedì, il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, aveva provata a tranquillizzare gli investitori, escludendo un secondo lockdown. La scorsa e’ stata la peggiore settimana per i tre indici principali su Wall Street dallo scorso 20 marzo. Il Dj ha perso il 5,5%, l’S&P il 4,7%, mentre il Nasdaq ha lasciato sul terreno il 2,3%.

Sul fronte macroeconomico, l’indice Empire State, che misura l’andamento dell’attivita’ manifatturiera nell’area di New York, a giugno e’ balzato dai -48,5 punti di maggio a -0,2 punti. Il petrolio e’ in ribasso a causa dei timori che una seconda ondata di lockdown possa intaccare negativamente la domanda.

Il petrolio Wti a luglio cede 4,05% a 34,79 dollari al barile. Il Dj perde 548,25 punti, il 2,14%, a quota 25.057,29. L’S&P 500 lascia sul terreno 51,45 punti, l’1,69%, a quota 2.989,86. Mentre il Nasdaq cede 113,53 punti, l’1,18%, a quota 9.475,28.

Sul fronte aziendale, Exxon cede il 3,41% a 45,56 dollari e Chevron il 2,89% a 89,72 dollari) dopo che la rivale britannica BP ha detto che svaluterà il valore dei suoi attivi tra i 13 miliardi e i 17,5 miliardi di dollari, al netto delle imposte, nel secondo trimestre. La causa e’ da rinvenire nell’impatto “duraturo” del coronavirus che dovrebbe tradursi in una minore domanda di idrocarburi.

Ma i ribassi sono generalizzati e coinvolgono anche le banche, con Citigroup che perde il 3,60% a 50,37 dollari, JPMorgan Chase il 2,72% a 97,15 dollari e Bank of America il 3,11% a 24,01 dollari.

Male anche i settori piu’ esposti agli effetti delle misure di lockdown come le compagnie aeree (United -6,45% a 37,10 dollari, American -5,56% a 15,81 dollari e Delta -4,28% a 29,13 dollari) e i gruppi di crociere (Royal Caribbean -4,87% a 58,20 dollari, Norwegian Cruise -7,20% a 19,02 dollari e Carnival -6,26% a 18,73 dollari). A24-Zap

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano