10.8 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

A Torino riaprono gli asili nido. Appendino: “Ce l’abbiamo fatta”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

“Una piccola grande conquista per bambine, bambini e per le loro famiglie: questa mattina hanno riaperto, in sicurezza, i giardini di 45 asili nido di Torino!”, la sindaca Chiara Appendino ufficializza così l’apertura dopo mesi di quarantena imposta dall’emergenza Coronavirus.

Spiega la sindaca di Torino: “Sappiamo quanto sia stato difficile il lockdown per i più piccoli e, come con l’assessora Di Martino vi diciamo da settimane, ci siamo messi immediatamente al lavoro per garantire uno spazio di normalità nella loro estate”. 

Come funzionerà l’apertura lo spiega sempre la prima cittadina: “Ai giardini si accede tramite prenotazione, ponendo attenzione a permanere il meno possibile negli ambienti chiusi. Dopodiché i più piccoli, con i genitori o i loro tutori, accedono all’esterno, dove potranno fare attività di gioco e didattica, insieme alle educatrici del comune”.

“È importante – dice Appendino – sottolineare come l’accesso sia consentito al nucleo famigliare, in modo tale da non dover separare eventuali fratelli e sorelle. Nell’organizzazione dei gruppi, inoltre, si pone attenzione a chi, nel nido stesso o per altri motivi, abbia già instaurato una relazione. Questo è importantissimo e, vedendolo con i propri occhi si capisce molto bene il perché”. 

“Il periodo di lockdown – ricorda Appendino – ha completamente stravolto la vita dei più piccoli. Dal semplice ritmo sonno-veglia (spesso ci si è abituati a stare svegli più a lungo e, di conseguenza, a svegliarsi più tardi) fino alla vera e propria relazione con spazi non famigliari. Non è raro infatti vedere bambine e bambini che frequentavano l’asilo senza problemi, doversi oggi ri-ambientare. E questa è un’operazione che – se necessario e quando è possibile – va fatta oggi, perché rimandarla a settembre vorrebbe dire rallentare ulteriormente l’inizio delle attività”. 

Appendino ringrazia le educatrici e gli educatori per il lavoro fondamentale e snocciola i primi dati: “Al momento le famiglie stanno accogliendo con favore questa iniziativa della Città. Per dare un numero, nell’asilo di via Assisi, per questa prima settimana sono già arrivate le richieste di circa il 40% delle famiglie e se ne stanno aggiungendo altre per la settimana successiva” 

Le attività andranno avanti fino a fine luglio, mentre il 18 giugno apriranno i cortili delle scuole materne e partiranno i progetti di Bimbi Estate e Estate Ragazzi.

“Vi assicuro, non era scontato far partire questa iniziativa. Eppure ce l’abbiamo fatta.  Possiamo dire che in larga parte, grazie a una piena collaborazione con le realtà coinvolte, ce l’abbiamo fatta. Tutti insieme”, conclude Appendino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano