20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Vino, auto e cibi, cresce l’export delle imprese piemontesi nei paesi islamici

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Crescono le esportazioni delle imprese piemontesi nei Paesi islamici, che vendono mezzi di trasporto, prodotti alimentari, bevande e pezzi meccanici. Nei primi nove mesi del 2016 il giro d’affari prodotto è stato di 2miliardi di euro in aumento del 7,3 per cento. Soprattutto verso la Turchia che da sola vale oltre 1,3 miliardi (+18 per cento). A distanza seguono gli Emirati Arabi e l’Arabia Saudita. È questo il quadro che emerge dai dati diffusi durante la presentazione del Turin Islamic Economic Forum (Tief), l’appuntamento del prossimo 6 e 7 marzo che si terrà al Centro congressi Torino Incontra.
L’obiettivo degli organizzatori, tra cui la Città di Torino, l’Università degli Studi, la Camera di Commercio e l’Associazione per lo sviluppo di strumenti alternativi e di innovazione finanziaria (Assaif), è capire come attrarre investimenti dagli stati islamici. E poi lavorare all’inclusione sociale di coloro che da questi paesi arrivano.

«Sotto la Mole oggi vivono più di 50 mila cittadini musulmani – spiega Chiara AppendinoSe si offre loro la possibilità di accedere al credito senza violare le prescrizioni del Corano, permettendogli ad esempio di acquistare una casa o di aprire un’attività commerciale, si può compiere un passo molto grande in questa direzione». In questi anni tanto si è fatto. Sono nati imprenditori di origine islamica. «Si tratta di ben 12.500 persone», ha spiegato il presidente della Camera di Commercio Vincenzo Ilotte. Soprattutto marocchini che rappresentano il 16 per cento del totale e albanesi che sono il 4,3 per cento. Seguono gli egiziani (3,6 per cento). E ancora, l’anno scorso sono cresciuti gli imprenditori pakistani, i tunisini e gli iraniani. Anche a loro si rivolge il Tief, che sarà aperto dall’intervento di Abdulla Mohammed Al Awar, amministratore delegato, Dubai Islamic Economy Development Centre (Diedc), che si occupa dello sviluppo degli investimenti in quel paese e a seguire quello di Yanguo Liu, direttore del Centro Internazionale di Formazione dell’Ilo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano