15.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

“Via il crocifisso dalla Sala Rossa”. Viale scomoda il Risorgimento: “Non c’era neppure ai tempi di Cavour”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Lunedì verrà discussa in Consiglio comunale a Torino la questione del crocifisso in Sala Rossa. E Silvio Viale, radicale e vice capogruppo del Pd si prepara al confronto: «A me dell’Islam non frega niente, figuriamoci – spiega Viale – ma spinto dallo scivolone della Lega che si è contrapposta al tappeto per la preghiera degli islamici dicendo che il Municipio è un luogo laico, faccio notare che se è laico non dovrebbe avere alcun simbolo religioso».
«Il crocifisso in Sala Rossa non c’era neppure ai tempi di Cavour. E fino agli Anni Sessanta nessuno ha mai pensato il tempio del Risorgimento italiano dovesse esporlo»- continua.
«Ho ottenuto che su questo si voti esorto a fare una scelta di laicità, ma so già che sarà una battaglia persa. In tal caso si sappia che rispetterò l’opinione di tutti, non staccherò alcun crocifisso, ma mi armerò di chiodi e martello, e attaccherò un crocifisso in tutte le sale» – conclude Viale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano