8.7 C
Torino
mercoledì, 28 Settembre 2022

“Verità per Stefano Cucchi”. Ma a Torino i Cinque Stelle non vogliono le dimissioni di Salvini

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

“Verità e giustizia per Stefano Cucchi”: questo sarà l’ordine del giorno che lunedì 14 gennaio verrà discusso in consiglio comunale a Torino.

A presentarlo la capogruppo de “La Sinistra”, Eleonora Artesio, e quella di “demA”, Deborah Montalbano. L’odg verrà votato insieme a quattro emendamenti, di cui uno del Partito Democratico e una della Lega.

Nell’emendamento leghista il capogruppo del Carroccio Fabrizio Ricca chiede che vengano eliminati dal documento i riferimenti politici. In particolare la parte in cui l’ordine del giorno auspica che il consiglio comunale di Torino riconosca l’inadeguatezza al ruolo di Governo e che il ministro dell’Interno Matteo Salvini rassegni le dimissioni “per le gravissime dichiarazioni rilasciate sulla vicenda”.

Durante la capigruppo, in cui si è deciso di portare l’odg in Sala Rossa, la maggioranza M5s non ha espresso la sua intenzione di voto, ma si è tirata fuori da quella che i pentastellati definiscono una “mera strumentalizzazione politica”.

In parole povere va bene pretendere trasparenza e chiarezza per quanto accaduto a Stefano Cucchi, ma per farlo non bisogna politicizzare la vicenda, per non distogliere l’attenzione dal tema reale. Tradotto: lasciamo in pace Matteo Salvini.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano